Sassari e la scuola di stregoneria Scusorgius a Rai Gulp nella nuova trasmissione #Explorers

Le città italiane raccontate dal punto di vista dei giovanissimi con i loro luoghi di incontro e le passioni, lo sport e lo studio. #explorers la nuova trasmissione di Rai Gulp, racconta il territorio in modo originale e inedito mettendo in luce tutto ciò che rappresenta il mondo giovanile e a svolgere questa narrazione sono proprio i ragazzi e le ragazze, i bambini e le bambine. #explorers mette in luce le nostre città che appaiono straordinariamente vive, attraversate come sono dalla creatività e dalla progettualità delle giovani generazioni.

Nelle prime due puntate il magazine ci ha portato a Lecce e Livorno mentre Venerdì 25 Ottobre, alle ore 18, nella terza puntata toccherà a Sassari.

A guidarci nella conoscenza di alcune realtà della nostra città sarà Ilaria Azzena, 11 anni, calciatrice di Sassari. Ilaria ha una grande passione per il calcio. Il suo sogno è quello di arrivare a far parte della nazionale. Nel frattempo gioca nella squadra del Caniga Borgata di Sassari, dove è l’unica ragazza della squadra. Ilaria è uno degli elementi di punta della formazione, tanto da aver siglato in una stagione ben 121 reti. Insieme a lei ci addentreremo nel Centro Storico e faremo la conoscenza dei Pizzinni Pizzoni della Scuola di San Donato, diventeremo dei detective con l'app del Comune di Sassari Guilt curata da Tamalacà, scopriremo l'impegno dei giovani per togliere la plastica da Golfo Aranci incontreremo i protagonisti del progetto Save The Children Uisp e arriveremo fino allo splendido parco dell'Asinara.

Non poteva mancare, in questo racconto del mondo giovanile cittadino, Scusorgius Scuola di Magia e Stregoneria del Nord Sardegna, il progetto di storytelling e role play dell'Associazione Il Colombre, che da tre anni anima le vie e le botteghe del Centro Cittaddino.

Scusorgius è una narrazione continua che si sviluppa nel nostro tempo, è un gioco fatto di verosimiglianze. La città di Scusorgius è Sassari e con questa condivide le vie e le botteghe, i monumenti e la storia. Un gioco di ruolo che coinvolge grandi e piccoli in avventure che hanno per luogo il quotidiano che diventa spazio scenico di narrazione in cui reale e verosimile si mischiano nella magia dello stare insieme.

Scusorgius un gioco di ruolo transmediale, una narrazione che comincia nelle pagine social e continua nella realtà attraverso il roleplay e lo storytelling.

L’ispirazione parte dalla saga di Harry Potter della Rowling dove, nel volume de “La Camera dei Segreti”, si parla di una delegazione di maghi sardi, prende poi una strada originale e indipendente.

La Storia di Scusorgius: in Sardegna, come in ogni parte del mondo è sempre esistita la magia. Anche in questa terra in un tempo lontano abbiamo avuto una scuola di magia. Nel 1925 i fatti storici del Ventennio Fascista, i rapporti sempre più tesi con i babbasoni (babbani), le forze oscure e i tradimenti di alcuni personaggi del mondo della Magia hanno portato alla caduta e chiusura della Scuola. Ma la scuola oggi è stata rifondata grazie alla caparbietà del Preside Aristote Acco e di Bainza Iatta. Nella scuola i nomi degli insegnanti vengono dalla tradizione, dalle sonorità e dalla storia sarda; le casate si chiamano zenias e le creature fantastiche e fatate sono prese sempre dai nostri miti e le nostre leggende.

Anche la città, con Scusorgius, diventa luogo di narrazione ma anche una scusa per raccontare la nostra storia e i nostri personaggi. Ad esempio, davanti alla statua di Dessì ecco svolgersi la storia del celebre tipografo sardo e quale magia più grande di quella di stampare libri? Il Palazzo di Città diventa luogo magico per eccellenza con le sue stanze e il misterioso meccanismo dell’orologio.

Scusorgius nel pieno di un torneo con maghi e streghe, stregoni e maghe, sarà raccontata nella puntata del 25 Ottobre di Explorers su Rai Gulp alle ore 18:00.


© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo