Approvato dalla Regione Sardegna il calendario per la pesca del riccio

 (foto: Wikimedia Commnons Marco Busdraghi)
(foto: Wikimedia Commnons Marco Busdraghi)
Via libera dalla Regione al calendario della pesca del riccio di mare per la stagione 2019/2020. L’assessore dell’Agricoltura, Gabriella Murgia, ha firmato il decreto che fissa le prescrizioni per la nuova stagione che partirà dal 1 novembre 2019 e terminerà il 15 aprile 2020.

“È un provvedimento importante e atteso – spiega l’assessore Murgia – arrivato nei tempi giusti dando la possibilità agli operatori di aprire la stagione il primo novembre. Siamo venuti incontro, nel rispetto della legge, a tutte le richieste dei ricciai con i quali abbiamo anche condiviso un percorso per l’avvio di un progetto di monitoraggio scientifico”.

La taglia minima per ogni esemplare pescato non dovrà essere inferiore ai 50 millimetri (esclusi gli aculei) e le quantità consentite variano a seconda della tipologia di pesca. Per i professionisti, subacquei o marittimi, il limite massimo è di 2.000 esemplari al giorno e si riduce nel caso venga svolta senza assistenti. Nel caso di pescatori professionali subacquei con unità d’appoggio (massimo due per ogni unità d'appoggio) il limite giornaliero sale a 3.500 esemplari prelevabili. Per i pescatori sportivi il limite è invece fissato a 50 ricci al giorno e solo per il consumo personale.

Per l’intera durata della stagione la pesca professionale potrà essere svolta ogni giorno a esclusione della domenica (tranne nell’area di Porto Torres, dove il divieto è fissato il lunedì), mentre i pescatori sportivi potranno raccogliere ricci soltanto il sabato.

Meno burocrazia e più tutele per tutti. Soddisfazione da parte dell’esponente della Giunta Solinas, che precisa: “sono state snellite le procedure previste per i controlli sul pescato e per la compilazione dei registri e rafforzate le tutele ai pescatori professionali lasciando un solo giorno di attività (il sabato) a quelli sportivi, considerata la forte sofferenza di prodotto”.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  •  (foto: Wikimedia Commnons Marco Busdraghi)