Arzachena intitola la biblioteca comunale a Manlio Brigaglia

L’intitolazione della biblioteca comunale, reduce da un profondo restyling che la rende ancora più accogliente e polifunzionale, e una scultura in ferro all’ingresso, nella pubblica via, per ricordare a tutti la grandezza di un personaggio di primissimo piano della storia culturale sarda contemporanea. È il doppio omaggio che Arzachena rende a Manlio Brigaglia e la sua straordinaria passione per la cultura e per la parola, in tutte le sue forme. I saluti del sindaco Roberto Ragnedda inaugureranno oggi una giornata dedicata interamente alla memoria dello storico, accademico, scrittore, critico e giornalista, scomparso a 89 anni il 10 maggio del 2018. Natali galluresi, una vita trascorsa a Sassari, Brigaglia è stato uno degli intellettuali contemporanei sardi più amati, grazie anche alla sua capacità di raccontare la storia e di leggere il presente con irriverente e lucida ironia. Un’esistenza passata tra lezioni, pubblicazioni e incontri pubblici, con la passione per la divulgazione, il confronto e la provocazione.

Su impulso del delegato della Pubblica istruzione del Comune di Arzachena, Michele Occhioni, la città gallurese ha deciso di intitolargli il luogo in cui in città si opera più attivamente per diffondere cultura anche attraverso attività formative destinate a bambini, giovani e adulti, ma anche di ricordarlo pubblicamente con una grande installazione in ferro affidata all’intuizione creativa dell’artista e fotografo sassarese Marco Ceraglia, la cui scelta artistica propone un’opera iconica, in cui del professore è fissata l’essenza più che l’apparenza esteriore. Più noto per la sua attività fotografica, il creativo sassarese sceglie di battere nuove strade, di sondare nuovi linguaggi artistici attraverso cui raccontare e immortalare la realtà nei suoi aspetti più visibili e in quelli meno tangibili, affidandosi a una forma dell’immagine più astratta della fotografia cui sinora si è dedicato prevalentemente, ma non per questo meno leggibile. Da questo punto di vista, “Book 2019”, la cui installazione è affidata al responsabile del progetto, Gianfranco Pisoni Gieffe Allestimenti e che sarà svelata solo domani, è sorprendente nella sua essenziale capacità di comunicare e di descrivere l’intellettuale e riassumerne la vita pur senza riferirsi ai tratti caratteristici del suo aspetto fisico.

Oggi l’appuntamento nell’auditorium di via Raimondo Chiodino è per le 9.15 coi saluti del sindaco. Alle 9.20 la cerimonia di intitolazione a Brigaglia della biblioteca comunale.Lo storico sarà celebrato con gli studenti nella forma più rituale, ricordandone la straordinaria attività culturale di insegnante e divulgatore. Protagonisti gli studenti delle terze classi dello scientifico “Falcone e Borsellino” e dell’ alberghiero “Costa Smeralda”.Durante la conferenza sarà proiettata una video-intervista del professore. Alle 11.30 il taglio del nastro per la biblioteca. Subito dopo alcuni amici che hanno conosciuto più a fondo il professore e hanno potuto godere della sua straordinaria umanità e della sua capacità di rendere tutto meno grave grazie alla forza dell’ironia, racconteranno il Brigaglia più intimo in presenza dei suoi familiari e di alcuni suoi colleghi. Alla fine della cerimonia sarà svelata la statua, apposta all’ingresso della biblioteca.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo