calcio femminile

Nel cielo rossoblù restano due stelle
Tona e Panico rinnovano con la Torres

Dopo otto stagioni, invece, Giulia Domenichetti lascia la squadra
di Daniele Giola
Tona e Panico (foto: /www.torrescalciofemminile.it)
Tona e Panico (foto: /www.torrescalciofemminile.it)

SASSARI. La Asd Torres calcio femminile annuncia ufficialmente di aver raggiunto un accordo con Elisabetta Tona e Patrizia Panico, la prima da anni capitano torresino e ormai sassarese acquisita, la seconda icona del calcio femminile e capitano della nazionale azzurra. Entrambe anche per la stagione agonistica 2011/2012 indosseranno la casacca rossoblù. Per Elisabetta si tratterà della nona stagione consecutiva alla Torres, mentre per Patrizia, della terza. "Le conferme di Tona e Panico - ha detto il team manager Michele Dettori -, sono fondamentali per un gruppo che vogliamo mantenere competitivo e che in questo modo sarà ancora una volta guidato da due tra le migliori interpreti internazionali nei rispettivi ruoli di difensore centrale e centravanti".

Dopo otto stagioni, invece, le strade della Torres e della centrocampista e vicecapitano rossoblù Giulia Domenichetti si dividono. La decisione - si legge in una nota - esula completamente da motivi calcistici e affonda le sue radici in motivazioni strettamente personali dell’atleta. "È stata una decisione molto sofferta e per questo ben ponderata considerati gli otto anni passati qui e l'amore che mi lega a questa terra e a questa maglia - ha detto Giulia Domenichetti -. Lascio la Torres a malincuore, per motivazioni strettamente personali e non calcistiche, tra cui l'esigenza di ritagliarmi più tempo per dedicarmi anche ad altre cose. Mi sento di ringraziare di cuore tutti quelli con cui ho condiviso questi anni di sconfitte e di vittorie: il Presidente e tutti i dirigenti, il mister Tore Arca, Marco, e tutte le compagne di squadra, tutte persone meravigliose che mi hanno accompagnata e guidata nella mia crescita sportiva e personale con grande affetto, passione e sensibilità. Li ringrazio anche per la comprensione e la stima che mi hanno dimostrato dopo questa difficile decisione. Un saluto e un ringraziamento doveroso e sentito anche a tutti i fedeli tifosi rossoblù che ci hanno seguito dappertutto in casa e in trasferta. Infine, grazie alla città di Sassari, a tutta questa splendida Isola, al suo mare e alla sua gente di cui non ho potuto fare a meno d'innamorarmi".

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  • Tona e Panico (foto: /www.torrescalciofemminile.it)