ASSL Sassari: riparte il servizio di consulenza gratuita per i raccoglitori di funghi

 (foto: Wikimedia Commons)
(foto: Wikimedia Commons)
Con l'arrivo della stagione autunnale e con lo sviluppo dei funghi spontanei, il Dipartimento di Prevenzione Area Nord ricorda agli utenti che è attivo l'ispettorato micologico della ASSL Sassari: un servizio che offre a tutti i raccoglitori una consulenza gratuita sulla commestibilità e sulla qualità delle specie raccolte, così da garantirne un consumo sicuro.
Operativo nell’ambito del Servizio di Igiene degli alimenti e della nutrizione, l'ispettorato micologico effettua il controllo gratuito dei funghi destinati al consumo diretto, offre una consulenza agli operatori sanitari in caso di eventuali intossicazioni causate dall'ingestione di funghi velenosi e promuove corsi di formazione e di educazione sanitaria.
Tra le competenze dell’ispettorato micologico, riveste notevole importanza il controllo e la certificazione sanitaria dei funghi spontanei destinati alla vendita o alla somministrazione. Pertanto si invitano gli esercenti (venditori al dettaglio, ristoratori, operatori di agriturismo) a richiedere la certificazione di commestibilità.
L’ispettorato micologico si trova:
    a Sassari in via Rizzeddu 21/B, è aperto al pubblico il lunedì, il mercoledì e il venerdì dalle 12 alle 13:30; in alternativa è possibile concordare un appuntamento chiamando i numeri: 348.5455906 – 079.2062889;
    a Ozieri, in località San Nicola, è aperto al pubblico il lunedì dalle 8:30 alle 11; in alternativa è possibile concordare un appuntamento chiamando i numeri: 079.785300/09 – 347.3779432.
I funghi devono essere presentati all'ispettorato in cestini rigidi e forati, suddivisi per specie, freschi, puliti, integri e in buono stato di conservazione. Il controllo è importante non solo per la determinazione delle specie raccolte ma anche per i consigli sul trattamento o la preparazione dei funghi. Alcune specie, infatti, vanno consumate con un trattamento di prebollitura, altre dopo prolungata cottura, altre ancora si consumano previa asportazione del gambo o della cuticola.
Se si avvertono disturbi dopo il consumo dei funghi, i micologi consigliano di recarsi immediatamente all'ospedale al primo sintomo di malessere e di portare con sé eventuali avanzi dei funghi consumati, così da consentire ai tecnici di poter individuare rapidamente l'eventuale causa dell’intossicazione.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  •  (foto: Wikimedia Commons)