Antonello Peru:" Si all'imposta di sbarco in Sardegna"

Antonello Peru (foto: Facebook)
Antonello Peru (foto: Facebook)
"Questa maggioranza si pone l’obiettivo di sostenere il turismo, tutta l’industria delle vacanze, da quella costiera alle attività che si svolgono nelle aree interne. Per questo crediamo sia indispensabile varare l’imposta di sbarco che, di fatto, sostituirebbe la tanto odiata tassa di soggiorno". Così Antonello Peru (Cambiamo!) che difende senza tentennamenti la proposta di legge che lo vede come primo firmatario: "Un progetto che ha il vantaggio di un tributo da pagare una sola volta, dai turisti al loro ingresso in Sardegna. Non solo. Le somme andrebbero direttamente a tutti i Comuni e verrebbero distribuite per realizzare quei servizi necessari al miglioramento della nostra offerta turistica – continua il rappresentante del gruppo Udc – Cambiamo! – Gli enti locali quindi non sarebbero più costretti ad applicare la tassa di soggiorno perché riceverebbero gli stessi introiti dall’imposta sullo sbarco. Gli albergatori non sarebbero più obbligati a riscuotere una tassa per loro sostanzialmente inutile". Un processo che si traduce in una vera semplificazione. "Certo – spiega Peru – E anche i turisti avrebbero degli impatti positivi. Se oggi una famiglia che arriva nella nostra Isola, rimanendo per dieci giorni,  paga con la tassa di soggiorno anche 70/80 euro, con l’imposta di sbarco spenderebbe tra i 10 e i 15 euro". Un risparmio non da poco:"E sarebbero in generale avvantaggiati anche tutti i sardi perché oggi chi si sposta da una parte all’altra della Sardegna e pernotta in albergo deve pagare la tassa di soggiorno – conclude Peru – con un balzello che si riflette anche sui residenti in Sardegna. Per questo ho davvero difficoltà nel capire come non si possa essere d’accordo con questa proposta. E mi fa piacere leggere che sia l’assessore al turismo Chessa che il presidente di Federalberghi Manca abbiano entrambi espresso oggi una loro decisa preferenza all’imposta di sbarco rispetto alla tassa di soggiorno. Auspico che, a questo punto, il Consiglio regionale comprenda la bontà di questo provvedimento e la legge possa dunque essere approvata anche a larga maggioranza".


© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  • Antonello Peru (foto: Facebook)