Compro oro "abusivo" scoperto dalle Fiamme Gialle

 (foto: Guardia di Finanza)
(foto: Guardia di Finanza)
Il Nucleo di Polizia Economico Finanziaria della Guardia di Finanza di Cagliari, nell’ambito di interventi ispettivi in materia di contrasto ai fenomeni di riciclaggio, ha eseguito un controllo nei confronti di una società esercente l’attività di compro oro ed operante nell’hinterland cagliaritano.

Al termine delle operazioni, condotte anche attraverso l’utilizzo delle banche dati in uso al corpo, è stato denunciato alla locale Autorità Giudiziaria il titolare dell’attività commerciale, il quale ha esercitato l’attività di compro oro in assenza della prevista iscrizione nell’apposito registro, tenuto dall’Organismo degli agenti finanziari e mediatori creditizi.

Lo stesso titolare si è reso responsabile, altresì, di quattro violazioni amministrative alla normativa antiriciclaggio, con specifico riferimento all’inosservanza degli obblighi di adeguata verifica della clientela ed omessa identificazione della stessa, alla mancata comunicazione alla Banca d’Italia di disposizioni o trasferimenti di quantitativi di oro superiori alla soglia prefissata (12.500 euro) e, da ultimo, alla mancata conservazione dei dati e delle informazioni concernenti l’attività di compro oro.

Conseguentemente, oltre alla richiamata segnalazione alla Procura della Repubblica di Cagliari, sono state contestate sanzioni amministrative pecuniarie variabili, nel complesso, da un minimo di 1.000 euro ad un massimo di 380.000 euro.




© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  •  (foto: Guardia di Finanza)