SASSARI

Mancato utilizzo parcheggi del palazzo Rosa, il sindacato FSI-USAE scrive ai vertici della sanità

“Spreco di soldi pubblici e mancati introiti da ben quattro anni. E’ lo scenario che si presenta alla ATS di Sassari per la farraginosa gestione dei parcheggi del palazzo Rosa, eredità certamente della passata gestione che si perpetua però ancora oggi. Chiediamo una soluzione immediata e un intervento urgente del sindaco Nanni Campus, qualora fosse necessario, per smuovere acque fin troppo stagnanti” spiega Mariangela Campus, segretaria territoriale dell’FSI-USAE che ha scritto una lettera in proposito ai vertici di ATS e Azienda Mista di Sassari indirizzandola anche al Collegio dei Revisori.

“La situazione del Palazzo Rosa perdura dal 1° maggio 2015, data in cui i tre piani adibiti a parcheggi sono rimasti vuoti ed hanno perso la loro funzione; si è, comunque, continuato a tenere in servizio giorno e notte diverse unità di personale di sorveglianza e guardia negli stessi luoghi in cui un tempo le auto potevano disporsi” si spiega nella lettera.

Precedentemente i parcheggi erano costituiti da circa 300 stalli: uno dei piani apparteneva al Comune di Sassari, era gestito da una società esterna e poteva essere usato sia dai dipendenti ASL (con un abbonamento di 40,00 euro) che dagli utenti che usufruivano dei servizi sanitari del Poliambulatorio o degli ospedali adiacenti; gli altri 200 posti circa erano suddivisi su due piani e ne fruivano per la maggior parte i dipendenti dietro un compenso di 20,00 euro mensili.

Da maggio 2015 nell'ex area dei parcheggi finora menzionati sarebbero dovuti iniziare i lavori di adeguamento alle normative sulla sicurezza, ma a tutt'oggi non si è dato sapere se questi lavori sono stati effettuati e conclusi. Gli interventi consistevano nella messa in posa di rilevatori di fumo, estintori e segnaletica di sicurezza, secondo le norme in materia .  

Il sindacato F.S.I. chiede, pertanto un intervento celere e risolutorio di questa incresciosa situazione che penalizza dipendenti e utenti ed anche la stessa ATS/AOU poiché si stanno verificando palesi sprechi di denaro che possono essere investiti in una offerta sanitaria sempre più all'avanguardia. Nondimeno, la chiusura degli stalli crea disagi alla circolazione e al traffico soprattutto in orario mattutino . In sostanza, una rapida riapertura dei parcheggi con tutte le migliorie necessaire potrà solo portare giovamento a tutti e favorire un incremento dell'immagine delle aziende sanitarie di Sassari.

“Al collegio dei Revisori chiediamo anche un controllo  sulla spesa del personale inutilizzato e pagato e sul  mancato introito. Della situazione abbiamo informato anche il Sindaco  di Sassari Nanni Campus auspicando un suo intervento urgente”  conclude la segretaria territoriale dell’FSI-USAE Mariangela Campus.



© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo