Irs ancora in campo contro Equitalia
Venerdì un incontro pubblico a Ozieri

L'appuntamento è alle 19,30 nel Centro culturale San Francesco
OZIERI. La mobilitazione contro Equitalia non si ferma. Dopo la manifestazione di mercoledì a Cagliari il "contagio" va avanti e in prima linea c'è ancora l'Irs, la formazione di Gavino Sale che per prima ha denunciato la morsa fiscale nei confronti dei sardi.

L'occasione per discutere «dell'agenzia pubblica di riscossione che costringe il 60% delle imprese sarde sul lastrico» è un incontro dibattito in programma venerdì alle 19, 30 nel Centro culturale San Francesco. Al dibattito interverranno il presidente del comitato No-Equitalia, Giuseppe Carboni, l'avvocato dell'Adusbef Andrea Sorgentone, il coordinatore regionale Irs di Sassari, Nello Cardenia e il presidente Gavino Sale. L'incontro è organizzato dal Tzentru de atividade Logudoro e sarà moderato da Francesco Tronza.

I contribuenti sotto scacco fiscale «non sono evasori, ma cittadini intenzionati a pagare e costretti sull'orlo del fallimento da sanzioni che per piccoli ritardi arrivano a superare il 120% del dovuto», dicono gli organizzatori. E «mentre i cittadini onesti sono costretti a supplicare dilazioni – prosegue l'Irs -, gli evasori si moltiplicano e grazie allo scudo fiscale riescono a fare rientrare i capitali depositati illegalmente all'estero pagando appena il 5% di sanzione». Ecco perché l'8 luglio «sarà un'occasione per fare il punto della situazione e capire insieme quali possano essere le soluzioni a questo problema». All'incontro parteciperanno gli attivisti Irs di Ozieri che breve costituiranno un Tzentru de atividade anche in città. «È importante la partecipazione dei cittadini – dicono -, in quanto Equitalia è un tema che tocca tutte le parti produttive della società e direttamente le tasche dei contribuenti».



© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo