Avanti Torres, verso la vetta

L'amore per la Torres è un fiume carsico, o meglio un fuoco che si mantiene vivo sotto la cenere dei ciclici insuccessi (o disastri societari). Gli Ultrà sono sempre in curva nord, numerosi e vocianti, serie C o Eccellenza non importa: la loro fede non si discute. Così come in tribuna. Ma è sufficiente un soffio di vento per farla nuovamente brillare anche nel grande pubblico sassarese, che con questa squadra si identifica. E si è identificato anche domenica scorsa. Nel derby che si è tinto dei colori rossoblù. Un carburante mostruoso per il proseguimento del campionato, un propellente da utilizzare al meglio.
E poi di fronte a questo pienone d'altri tempi (giusto un po' di immaginazione...), i prodi giovini  dell'infuocato Marco Mariotti si sono imposti nel gioco, nelle occasioni e nel risultato. Per un connubio perfetto. D’altri tempi, appunto.
Ora si può guardare con fiducia in avanti, alla vetta, dove c'è giusto un refuso, una vocale per la precisione, da correggere.






© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo