Fotovoltaico in area industriale, il Comune ed Ene firmano l'accordo per le misure compensative

Il Comune di Porto Torres e la Eni New Energy (Ene), l'azienda costituita da Eni per sviluppare impianti di produzione di energia fotovoltaica, hanno firmato stamattina l'accordo attuativo per le misure compensative.

Il documento, sottoscritto dal dirigente del settore Ambiente Marcello Garau e dall'amministratore delegato di Eni New Energy Patrick Monino, è relativo alla costruzione dell'impianto fotovoltaico da 31 Mwp nelle aree di proprietà di Eni Rewind (ex Syndial), situate nell'area industriale del territorio comunale.

Le misure di compensazione sono previste dalla normativa vigente e prescrivono un ristoro compatibile con le “linee guida per l’autorizzazione degli impianti alimentati da fonti rinnovabili”. Al Comune di Porto Torres andranno 500 mila euro in benefici economici e in opere pubbliche che serviranno per portare avanti alcuni importanti progetti per la città e per il territorio, tesi ad incentivare le fonti rinnovabili e in generale a migliorare l'efficientamento energetico. La metà del contributo Ene, pari a 250 mila euro, è destinato alla prosecuzione del Reddito energetico, un progetto nato a Porto Torres e adottato da diverse amministrazioni in Italia. L'altra metà del contributo è indirizzata alla realizzazione delle opere di efficientamento energetico di Cala d'Oliva, il borgo abitativo dell'isola dell'Asinara, e all'efficientamento energetico della pista ciclabile del tratto tra Balai lontano e Balai vicino.

«Con la firma odierna portiamo a compimento un lungo percorso che ha impegnato i nostri uffici ed Ene, che ringrazio per l'impegno – spiega il sindaco Sean Wheeler – il Comune e tutti i cittadini avranno tre progetti, interamente a beneficio della collettività, che mirano a migliorare la città di Porto Torres. Abbiamo scelto di indirizzare la metà delle risorse per finanziare un'annualità del Reddito energetico, un progetto ambizioso che sta vedendo la luce in anche in altre regioni. Un'altra parte del contributo andrà invece a rivedere il sistema di illuminazione della pista ciclabile di Balai. Infine l'Asinara: con l'intervento a Cala d'Oliva, che sarà necessariamente rispettoso dell'ambiente e di ogni forma animale, andremo ad illuminare l'antico borgo dell'isola-parco».


© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo