ARTExhibition, il progetto dedicato alla scoperta del legame tra arte contemporanea e identità sarda

In che modo il patrimonio di storia, tradizioni, beni culturali, ambiente e archeologia della Sardegna ha influenzato e influenza, ogni giorno, artisti, designer, artigiani e creativi? E' il tema su cui indaga ARTExhibition, il progetto multimediale di Arionline, Karel e Bibigula che sarà realizzato nei prossimi mesi con i contributi del bando IdentityLAB dell'Assessorato alla Pubblica istruzione della Regione Sardegna per la regia di Davide Melis e la direzione artistica di Raffaella Venturi. Guida ideale del progetto è Maria Lai, l'artista di Ulassai vissuta tra il 1919 e il 2013, che ha saputo ricucire il mondo con la creatività e ha creato legami nuovi al di là di ogni confine fisico.

Il progetto. ARTExhibition, che prenderà il via nelle prossime settimane e sarà terminato il prossimo inverno, avrà la forma di una serie web di sei episodi, un cortometraggio, un portale web, una mobile app georeferenziata e con funzioni di realtà aumentata. Tutte le produzioni saranno in italiano, inglese e sardo. Filo conduttore è il legame tra realtà identitaria sarda e arte contemporanea, raccontato dalla voce di dieci autori tra artisti e designer.
Ma cos' è il patrimonio identitario della Sardegna? Sono i nuraghi, le maschere del carnevale, le pecore, i pinnetti, i ginepri, le rocce antropomorfe, il mare o il vento? "Non ci interessano i luoghi comuni, gli aspetti folcloristici – sottolineano gli autori - vogliamo tracciare una mappa dei segni identitari dell’Isola riscontrabili nelle ricerche di una decina di autori contemporanei. Segni affatto riconducibili a quel comune immaginario collettivo sulla Sardegna, responsabile di avere depotenziato, rendendole commerciali e folcloristiche, proprio le peculiarità antropologiche, paesaggistiche, di cultura materiale di una terra che, nonostante globalizzazione e totalizzante vocazione turistica, continua a rappresentare un unicum nel mondo. Un 'quasi continente' con precipue realtà assai rappresentative di una resistenza culturale, di approfondimento e consolidamento, delle sue radici identitarie”.

Gli artisti. Artisti, pittori, designer, scultori, scenografi, fotografi, stilisti nati nell'Isola o che hanno scelto la Sardegna come studio o casa: c'è un mondo di creatività senza confini al centro della ricerca di Arionline, Karel e Bibigula. Impossibile individuare una linea comune tra i dieci nomi selezionati da Raffaella Venturi, giornalista e storica dell'arte: rappresentano diverse e variegate tecniche espressive, ma ciascuno è peculiare nel suo rapporto tra identità sarda e arte contemporanea. Ci sono Anna Marceddu e Thierry Konarzewski, fotografi, artisti figurativi come Josephine Sassu, esponenti dell’arte concettuale come Rita Correddu e Giovanni Casu, la textil designer Eugenia Pinna, il designer di coltelli Antonio Fogarizzu, il costumista e scenografo Marco Nateri, lo stilista Luciano Bonino, e infine Antonello Cuccu, architetto, artista e ceramista.

La web serie. Una parte importante del progetto sarà la web serie tra documentario e fiction: sei episodi di 10 minuti ciascuno, scritti e diretti da Davide Melis, che saranno realizzati a partire da questa primavera e terminati in autunno, disponibili sulla pagina web del progetto e su canali video youtube e vimeo. Il racconto con la voce degli artisti si snoderà parallelo al viaggio di Renate e Janet, giovani straniere che conducono una ricerca documentaria nell'Isola. Per individuare le attrici che impersoneranno Renate e Janet sarà promosso a breve un casting, a cura di Rossana Patricelli di Casting Sardegna.

Il progetto è realizzato dall'associazione temporanea di imprese costituita da Arionline, società di servizi informatici capofila del progetto che si occuperà della creazione del portale web e dello sviluppo dell’applicazione mobile, da Karel, casa di produzione cinematografica, e da Bibigula di Maurizio Abis, videoproduzioni. Mediapartner è YoutgNet, partner Ilisso, Centro servizi culturali - Cineteca Sarda, Fondazione Sardegna Film Commission, Museo Nivola, Sardinia Film Festival.


© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo