Sassari. Emergenza coronavirus, nuove disposizioni regionali per la legge 162/98

In base alle misure restrittive adottate per il contenimento dell'epidemia da Covid-19 e per dare risposta alle numerose segnalazioni sulla gestione della legge 162/98 indiretta, visto che di fatto è impossibile portare a compimento le attività come previste dai piani personalizzati, in particolare per gli aspetti legati al contenimento dei contatti tra le persone, la Regione Sardegna ha dettato alcune direttive.

I piani attivi al 31 dicembre 2019 sono prorogati sino al 30 giugno 2020. Da marzo a giugno si procederà all'erogazione delle mensilità anche nei casi in cui le famiglie sospendano gli interventi a domicilio o siano gli operatori a interrompere gli accessi, e le ore eventualmente non svolte potranno essere recuperate nelle mensilità successive; ai fini della rendicontazione, saranno ritenuti ammissibili i costi delle prestazioni di servizi rese non in presenza ma con modalità telematiche; saranno ritenuti ammissibili anche i pagamenti anticipati di servizi usufruiti nei mesi successivi.

Tenuto conto di queste nuove direttive, il Comune di Sassari liquiderà le competenze relative al mese di marzo secondo la rendicontazione di febbraio. Le somme liquidate saranno conguagliate, in eccesso o in difetto, nei mesi successivi sulla base dei giustificativi di spesa. Per le liquidazioni delle competenze successive a marzo ci riserviamo di fornire ulteriori comunicazioni nei prossimi giorni.


© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo