COVID-19: in Sardegna la dinamica di contagio più lenta in Italia

La Fondazione David Hume ha iniziato la pubblicazione di un bollettino settimanale sull’andamento dell’epidemia da Covid-19 nelle 19 Regioni italiane e nelle 2 Province autonome di Trento e Bolzano.
Il bollettino settimanale sulle Regioni e Province si affianca al bollettino giornaliero sull’Italia nel suo insieme, che esce ogni giorno alle 20 sul sito della Fondazione, nonché, alla medesima ora, nell’ambito del telegiornale di La7.
Entrambi i bollettini forniscono una valutazione dell’andamento dell’epidemia mediante un nuovo indice sintetico e intuitivo. L’indice si legge come una temperatura, e misura la velocità di propagazione del contagio su una scala che va da 42° (epidemia galoppante) a 37° (epidemia sostanzialmente arrestata).
Risultati dell’ultima settimana.
Nel corso della settimana che va da domenica 29 marzo a domenica 5 aprile la temperatura dell’epidemia è scesa in quasi tutte le regioni, con la sola eccezione di Valle d’Aosta, Molise e Provincia di Bolzano: in queste tre realtà la tendenza di fondo è stata all’aumento.
Se consideriamo le tendenze più recenti, ovvero gli ultimi due giorni della settimana, la regione con la temperatura più bassa (ossia con la dinamica del contagio più lenta) è risultata la Sardegna, quella con la temperatura più alta (ovvero con la dinamica del contagio più pronunciata) è stata la Valle d’Aosta.
Oltre alla Sardegna, anche altre cinque regioni mostrano un andamento migliore di quello dell’Italia nel suo insieme: Lombardia, Emilia Romagna, Liguria, Umbria, Molise.
Per questa settimana la regione-lepre (la più rapida nella corsa ai 37 gradi) è la Sardegna, che è già a 37.6.
La regione-lumaca (la più lenta) è la Valle D’Aosta, che – con 40.4 – è l’unica ad avere ancora più di 40 di febbre.

La missione principale della Fondazione David Hume è quello di produrre analisi indipendenti (non targate politicamente) su temi rilevanti (o dimenticati) del dibattito pubblico.


© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo