Picchiava e terrorizzava la madre e la sorella: arrestata 43enne di Sassari

Nella prima mattinata di oggi gli agenti della Divisione Anticrimine della Questura di Sassari hanno eseguito una misura cautelare nei confronti di C.L., 43enne sassarese, in esecuzione del provvedimento emesso dal GIP del Tribunale di Sassari su richiesta del pubblico ministero.
Nei confronti della donna sono stati raccolti consistenti e gravi indizi di colpevolezza per i reati di maltrattamenti in famiglia, lesioni personali e danneggiamento, fatti per i quali le è stato imposto l’ordine di allontanamento dalla casa familiare e del divieto di avvicinamento i luoghi frequentati dalla madre e dalla sorella.
Il provvedimento è arrivato dopo una lunga indagine condotta dalla Polizia che aveva ricostruito le innumerevoli angherie e vessazioni consistite in pesanti minacce di morte, atti di danneggiamento all’interno della casa di abitazione, lesioni personali che la donna arrecava ai familiari. Le angherie si verificavano ripetutamente e andavano avanti  dal dicembre 2018.
Solo di recente le vittime, spossate e terrorizzate, avevano deciso di sporgere una denuncia-querela in Questura.L’ultimo grave episodio si è verificato nei giorni scorsi, quando la 43enne, al termine dell’ennesimo litigio, ha gravemente minacciato di morte la sorella, armata di un lungo coltello da cucina. Nell'occasione, il tempestivo intervento di una pattuglia della Squadra Volante richiamata sul posto dalle vittime, scongiurava il verificarsi dell'ennesimo episodio.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo