I festival delle Isole del Cinema chiamano, ma la Regione non risponde

I festival delle Isole del Cinema (La Maddalena: La valigia dell’attore; Asinara: Pensieri e Parole; Tavolara: Una notte in Italia; San Pietro: Creuza de mà) sollecitano ancora una volta gli Assessori regionali alla Cultura e al Turismo a tener fede agli impegni presi per l’emanazione dei bandi.
Nella nota inviata all’assessore Andrea Biancareddu si sottolinea che dopo quaranta giorni dall’assicurazione dell’imminente uscita dei bandi per la promozione della cultura cinematografica, di tali avvisi non vi è traccia.  Né vale a giustificare tale inadempienza il fatto che, come dichiarato dall’assessore, «stante la vigente disciplina in materia, i bandi hanno sempre avuto tempistiche differenti rispetto agli avvisi dello spettacolo dal vivo o dei festival letterari». Si confidava infatti che proprio la situazione eccezionale dettata dalla pandemia avrebbe risolto tale vulnus, unico nel panorama della legislazione regionale e nazionale. Ad esempio stralciando con una delibera di giunta i festival dalla restante regolamentazione della legge cinema ed equiparandoli agli altri festival. Una condizione di inaccettabile minorità anche per quanto riguarda la cifra massima finanziabile fissata a 40 mila euro: corrispondente a metà del contributo destinato ai festival letterari consolidati e decisamente meno di tutti gli altri di musica, teatro e danza.
La lettera inviata all’assessore al Turismo Gianni Chessa evidenzia che i festival delle Isole del Cinema sono esempi di promozione di un “turismo sostenibile” che proprio in questa emergenza può rafforzare il favore incontrato dai segmenti alti della domanda interna ed esterna, e che l’Assessorato al Turismo ha riconosciuto negli anni passati finanziando regolarmente Le Isole del Cinema attraverso la legge n.7 per le manifestazioni di grande interesse turistico. Ma ecco appunto che non vi è notizia del bando relativo, che come tutti gli anni ha consentito di poter programmare le attività promuovendo con efficacia l’immagine della Sardegna.
I festival rinnovano quindi la richiesta di emanazione celere degli atti che consentano di poter mettere in opera con serenità le attività già programmate e annunciate alla stampa.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo