Unione dei Comuni del Coros, i sindaci hanno approvato il bilancio

Ieri mattina, nella sede dell’Unione dei comuni del Coros a Ossi, durante l’assemblea dei sindaci, è stata deliberata l’approvazione del bilancio consuntivo, che ha confermato la salubrità dell’ente. I sindaci hanno dunque certificato il buon lavoro svolto dall’Unione. L’equilibrio di bilancio ha fatto si che i progetti attuati o in cantiere procedano quasi tutti come da programma, facendo un uso oculato delle risorse e garantendo la piena funzionalità dei servizi. La salubrità dell’Ente è certificata anche dalla corretta attuazione delle priorità strategiche, che vogliono potenziare la destinazione turistica del territorio , valorizzare le risorse ambientali e raggiungere il benessere della persona. Con questi obiettivi è nata infatti nel 2017 la Programmazione Territoriale “Coros-Anglona terre di tradizioni” mediante un percorso di co-progettazione tenutosi con gli uffici della RAS in numerosi tavoli tematici allargati al partenariato economico sociale e riferiti a degli ambiti trasversali dal punto di vista strategico, che vanno dal benessere della persona alla governance territoriale. Sempre su questo filone, è stato attuato il restyling del sito internet, e potenziato il lavoro di comunicazione che rende ancora più trasparente le funzioni e l’iter dei progetti in fase di elaborazione e attuazione. Grazie ad una corretta gestione dei servizi associati, l’Ente Coros ha garantito i servizi per i quali è stata delegata mantenendo un bilancio in ottima salute:  è un esempio l’attuazione del servizio associato di raccolta dei rifiuti che certifica la funzionalità del servizio stesso e fornisce un piano economico finanziario ai comuni aderenti. E’ in fase di completamento anche l’ecocentro di “Paulis” nel Comune di Ittiri, la cui realizzazione si prevede entro il 2020. Tra i progetti attuati è bene ricordare il servizio in co-progettazione di traporto sociale tra i comuni del Coros e la formazione continua del personale.  In fase di completamento invece gli interventi di manutenzione e messa in sicurezza delle strade esistenti, che riguardano la viabilità intercomunale e in fase di attuazione gli interventi alle infrastrutture viarie e interventi strutturali di attraversamenti stradali, inseriti nel Patto per la Sardegna. Anche in quest’ultimo caso i lavori dovranno essere terminati entro il 2020.  “In sede di approvazione di bilancio consuntivo- evidenzia il presidente dell’Unione Carlo Sotgiu- abbiamo verificato il raggiungimento degli obiettivi che l’amministrazione si era prefissa in sede di previsione. Ancora una volta è emerso l’ottimo lavoro svolto nella gran parte dei procedimenti , fra cui quelli della programmazione territoriale in fase di realizzazione. Un esempio di come il lavoro sinergico fra i singoli comuni possa essere estremamente proficuo”.  Nel corso della stessa Assemblea, i sindaci hanno anche deliberato la proroga della carica di Presidente in capo al sindaco di Ploaghe Carlo Sotgiu, sino alla scadenza naturale del mandato di amministratore.




© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo