Ombrelloni e lettini come "segnaposto": ordinanza della Regione Sardegna per vietarne l'abuso

Sono sempre più numerose le segnalazioni che pervengono agli uffici comunali in ordine alla cattiva abitudine di occupare con ombrelloni, sedie e lettini, porzioni di spiaggia libera da parte di coloro che per assicurarsi un posto, lasciano per ore incustodite le attrezzature da spiaggia. L’Amministrazione Comunale di Alghero condanna il malcostume, diffuso anche in altre località turistiche della Sardegna, dei bagnanti che si appropriano indebitamente di spazi di arenile. Seppur non in totale contrasto con quanto ad oggi stabilito dalle norme ed in particolare dall’ordinanza balneare della Regione Sardegna, i comportamenti denunciati denotano scarso rispetto dei diritti altrui di fruire liberamente delle spiagge, evidenziando, peraltro, scarso senso civico. L’ordinanza della RAS, infatti, pone tra i divieti quello di non occupare gli arenili liberi con attrezzature da spiaggi oltre il tramonto e fino all’alba. L’Amministrazione intende porre un argine a questa brutta abitudine, proponendo all’Assessorato Regionale degli Enti Locali una modifica all’ordinanza balneare che vieti tali occupazioni anche durante le ore diurne, consentendo l’applicazione di regole uniformi su tutto in territorio regionale. L’obbiettivo è quello di reprimere la pratica del cosiddetto “ombrellone selvaggio” e di tutelate i frequentatori delle spiagge libere da ogni forma di abuso.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo