Anche Ozieri ha i suoi "indignados":
uno slogan per "salvare l'ospedale"

L'iniziativa del comitato: lenzuoli bianchi alle finestre per denunciare la crisi della sanità
Lo striscione di benvenuto all'ingresso di Ozieri (foto: Salviamo l'ospedale di Ozieri)
Lo striscione di benvenuto all'ingresso di Ozieri (foto: Salviamo l'ospedale di Ozieri)
OZIERI. Anche il capoluogo del Monteacuto, come la Spagna, ha i suoi indignados. Sono i membri del comitato "Salviamo l'ospedale di Ozieri", che ieri hanno lanciato l'ultima iniziativa di protesta. A poche ore dall'incontro dei vertici Asl con il sindaco Leonardo Ladu, e proprio mentre l'Azienda sanitaria diramava un comunicato per far sapere della futura riapertura delle sale operatorie, si sono dati appuntamento nella centrale Via Veneto e hanno appeso uno slogan di benvenuto per i visitors della sanità. «No allo smantellamento dell'ospedale Segni», hanno scritto nero su bianco in uno striscione che ha preso il posto di quelli tradizionali, dedicati alle sagre e agli eventi culturali.

Poi hanno lanciato la loro proposta sul modello degli indignados: «Mettiamo dei lenzuoli bianchi alle finestre per denunciare l'attacco del diritto alla salute, così tutti sapranno». Le scritte sono visibili da alcuni giorni sulle facciate di Cantareddu, Via De Gasperi, Punta Idda e Via Roma. Ma «l'invito è rivolto a quante più persone possibile, affinché siano in tanti a farsi sentire. Diciamo agli ozieresi di prendere contatti con noi - dicono dal comitato-. Per condividere questa battaglia è sufficiente mettere a disposizione il proprio balcone, pensiamo noi allo striscione».

Nessun commento, invece, sulla «strana coincidenza degli eventi». L'impressione, però, è che si muova qualcosa solo quando c'è aria di mobilitazione. Pochi giorni fa si è riunita anche la commissione Sanità del Comune, che ha detto «basta rinvii, non è più tempo di aspettare». In attesa di sapere cosa si son detti il sindaco e la Asl, i membri del comitato hanno appeso dei manifesti. Spiegano i motivi della loro indignazione e promettono di tenere un bollettino aggiornato per informare i cittadini.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  • Lo striscione di benvenuto all'ingresso di Ozieri (foto: Salviamo l'ospedale di Ozieri)
  • Lenzuolo appeso a un balcone del centro (foto: Salviamo l'ospedale di Ozieri)