Finisce in manette la notte brava di due aspiranti "piloti"

Nella notte tra sabato e domenica, nel centro storico di Bono (ss), la pattuglia dei Carabinieri dell’aliquota radiomobile ha notato un’ autovettura che attraversava a tutta velocità la piazza Trento e Trieste. Immediato l'inseguimento dell'auto che, dopo circa 500 metri, giunti all'altezza della via Nuova, si bloccava a motore spento in mezzo alla strada. Da questa scendeva A.L., ventenne originario di Nuoro, che si è dava ad una breve fuga bloccato poco dopo da un militare. L'altro soggetto presente in macchina, G. P., 19enne di Bono, veniva bloccato  mentre tentava di riaccendere la macchina per tentare la fuga. L'uomo, che è risultato colpito dalla misura dell’affidamento in prova e che quindi non avrebbe potuto abbandonare il proprio domicilio in orario notturno, veniva fatto sedere sui sedili posteriori dell’auto di pattuglia per essere condotto, al comendo. Particolarmente agitato, dava in escandescenze rompendo a calci un finestrino. Per il guidatore è scattata così la denucia per guida in stato di ebbrezza, mentre per il 20enne sono scattate le manette per violenza e resistenza a pubblico ufficiale, danneggiamento e violazione delle prescrizioni del giudice.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo