Cosa guardare e cercare per trovare un buon ETF

Il patrimonio totale in gestione (AUM) per l'universo ETF ha raggiunto circa cinque trilioni di dollari, in aumento secondo quanto vediamo dai dati in nostro possesso. Impallidisce ancora rispetto al settore dei fondi comuni di investimento, che ha diciassette trilioni di dollari in attività e oltre ottomila fondi, ma la tendenza sta cambiando.

Sempre più investitori vengono sedotti dalla semplicità e dalla diversificazione istantanea offerte dagli ETF. Una recente indagine sui pianificatori finanziari ha rilevato che l'87 percento dei consulenti consigliava ETF, contro il 73 percento che consigliava fondi comuni di investimento.

 Alla domanda su quale si aspettassero di aumentare il loro utilizzo nei prossimi dodici mesi, il 46 percento ha detto che avrebbe utilizzato più ETF, contro il 19 percento che ha affermato di voler aumentare il proprio utilizzo di fondi comuni di investimento.

Ci sono vantaggi e svantaggi sia per i fondi comuni di investimento che per gli ETF
, ma i motivi per cui gli investitori preferiscono gli ETF includono commissioni più basse, facilità di negoziazione e una minore possibilità di grattacapi fiscali dalle distribuzioni di fine anno.

Se sei incuriosito dagli ETF, armati della conoscenza di cosa cercare in uno buono, comprese queste caratteristiche, che proponiamo qui di seguito, di un ETF vincente. Naturalmente per aiutarti nella tua impresa, se hai davvero intenzione di muoverti in questo senso, ti conviene consultare una guida su il forex broker giusto  da scegliere.
Le dimensioni contano
L'ultima cosa che vuoi in un ETF è essere il più grande investitore
. Prima di acquistare un fondo negoziato in borsa, scopri il suo AUM o la quantità di denaro di altre persone che controlla.

Evita gli ETF con meno di dieci milioni di dollari in gestione e idealmente trova un ETF con almeno cinquanta milioni di dollari. Qualunque cosa in meno significa che l'ETF è probabilmente troppo nuovo e non ancora testato in battaglia. Un AUM più elevato significa anche più interesse degli investitori, il che è importante perché per vendere è necessario un acquirente disponibile e ETF con AUM più elevato attraggono gli acquirenti.
Volume degli scambi
Quando gli ETF sono entrati per la prima volta nel mercato, alcuni fondi sono stati scambiati solo poche volte a settimana, quindi il volume degli scambi era piuttosto basso, il che non è mai positivo per gli investitori, che in genere dovrebbero evitare titoli scarsamente negoziati.

Oggi i computer scambiano gli ETF in una frazione di secondo in un metodo chiamato iper-trading, che può aumentare il volume degli scambi. Maggiore è il volume di scambi di un ETF, maggiori sono le possibilità di ottenere il prezzo che desideri quando acquisti o vendi.

Puoi trovare il volume degli scambi inserendo il simbolo dell'ETF nella casella di controllo in alto a destra della homepage di The Motley Fool. In generale, attenersi agli ETF con un volume di scambi più elevato. I cento migliori ETF hanno un volume di scambi giornaliero di oltre 3 milioni, quindi questa è una buona cifra da cui giudicare il tuo potenziale ETF.
Spese
Infine c è da considerare un altro fattore che è molto rilevante o che comunque lo è sicuramente come gli altri che abbiamo citato prima e cioè le spese da sostenere. Il “rapporto di spesa” rivela quanto costa un ETF.
 L’importo verrà tolto  dal  conto e ti  servirà a pagare le spese annuali totali di un fondo. Il rapporto di spesa non comprende però le commissioni di intermediazione che si pagano per comprare e vendere le azioni di un ETF.
Il rovescio della medaglia, tuttavia, è che ormai da diversi anni c’è stata una proliferazione di ETF più strettamente focalizzati ed esotici – molti dei quali non solo non testati a sufficienza, ma anche più costosi.
 Ti conviene quindi di non affidarti a questi fondi, a meno che non sei consapevole  di quello che stai facendo. Inoltre,  ricordati sempre di confrontare  l’andamento degli ETF di tuo interesse con quello di altri ETF simili.


© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo