Accademia Olearia Alghero, doppio extra gold al Biol di Bari per l'agricoltura biologica sarda

Doppia certificazione e doppia soddisfazione per l’Accademia Olearia di Alghero al “Premio internazionale Biol Novello 2020”, la primissima selezione degli oli Evo della nuova stagione. Nei giorni scorsi a Bari è andata in scena la dodicesima edizione del Premio, il primo concorso internazionale riservato agli oli Evo biologici della nuova stagione. L’azienda di Giuseppe Fois e dei suoi due figli Alessandro e Antonello, che prosegue nel segno dell’innovazione e della ricerca dell’eccellenza una tradizione di famiglia che si tramanda da quattro generazioni, si è confermata al top a livello mondiale, conquistando il riconoscimento “Extragold” con il Sardegna Dop Fruttato Verde da agricoltura biologica e con l’Evo 100% Italiano da agricoltura biologica, premiati rispettivamente nelle categorie Biodop Sardegna e Bio Italia.Al Biol International Prize 2020 hanno partecipato circa 200 produttori provenienti da diverse parti del mondo, ma soprattutto dal bacino del Mediterraneo, con i campioni di olio Evo biologico appena prodotto. Il risultato delle prove di assaggio degli oli selezionati è stato confrontato con quello delle analisi chimico-fisiche e ha permesso di individuare i migliori biologici dell’anno, tra i quali ormai i prodotti dell’Accademia Olearia sono una presenza fissa.Sostenibilità e rispettoper ambiente sono temi fondamentali per l’azienda algherese, che opera quotidianamente seguendo questi criteri.Il moderno stabilimento produttivo di Accademia Olearia è alimentato grazie all’utilizzo di fonti energetiche alternative: dispone di un impianto fotovoltaico che la rende completamente autosufficiente in rapporto al fabbisogno di energia elettrica, mentre la produzione di acqua calda e il riscaldamento sono garantite da una caldaia a nocciolino alimentata dagli stessi scarti della lavorazione delle olive, in quello che può essere ritenuto un esempio di economia circolare.La vicinanza dell’azienda all’ambiente è testimoniata inoltre dai premi ricevuti da Slow Food, di cui Accademia Olearia è presidio regionale con la linea produttiva biologica, implementando il disciplinare di filiera corta: tutte le operazioni legate alla produzione, trasformazione e movimentazioni sono monitorate e controllate per permettere la rintracciabilità dell’intera filiera produttiva, dalla produzione e conferimento delle olive e dell’olio sino al lotto di confezionamento del prodotto commercializzato.In termini di sostenibilità, l’azienda possiede inoltre la certificazione BIO con l’ICEA e nel 2019 ha raggiunto le finali del premio Oscar Green della Regione Sardegna, iniziativa dedicata proprio alle aziende che portano avanti progetti innovativi ecosostenibili.La famiglia Fois insieme a tutto il team dell’azienda esprime grande soddisfazione per il doppio riconoscimento. «L’impegno profuso anche in un anno particolarmente difficile viene ripagato da riconoscimenti del genere oltreché dal buon riscontro sul mercato», afferma Antonello Fois, responsabile commerciale dell’azienda. «Ci sono tutte le premesse e le motivazioni, nonostante il singolare periodo storico, per proseguire lungo il percorso di costante crescita cui lavoriamo da tempo –conclude –e che nel prossimo anno sarà auspicabilmente segnato da alcune rilevanti novità che non vediamo l’ora di poter annunciare pubblicamente».





© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo