Concessioni balneari,è guerra: Federbalneari Sardegna denuncia il dirigente del comune di Arzachena

Pubblichiamo il comunicato di Federbalneari Sardegna sull'annosa vicenda dei rinnovi delel concessioni balneari

Siamo stanchi di questi comportamenti da parte dei dirigenti di pochi Comuni Ribelli alle leggi. Violando 20 sentenze dei Tribunali Amministrativi di mezza Italia, violando la Direttiva Bolkestein concedendo un anno di proroga automatica e violando le Leggi Nazionali Vigenti e Regionali, questi Dirigenti stanno facendo un grave danno alla Imprenditoria locale ed alla economia della Sardegna, gia in ginocchio per una pandemia mondiale senza precedenti. Un comportamento del genere è per la nostra Federazione inaccettabile. Se hanno deciso di non tutelare ipropri cittadini e le coste del proprio Comune lo dicano chiaramente ad Arzachena. È ora di dire la verità alla gente. In passato in tanti hanno potuto assistere ai trattamenti riservati verso ottimi imprenditori turistici, ma ora si sta   minando   addirittura   l’imprenditoria   locale.   Ci   pensiamo   noi   –   afferma   il   Segretario   RegionaleFederbalneari Sardegna Claudio Maurelli. Ieri 6 Febbraio 2021 la Federazione ha incaricato la Consulta, di denunciare alla Procura della Repubblica il Dirigente firmatario del documento di proroga automatica di un anno ad Arzachena. Questo è un atto in antitesi con la Direttiva Bolkestein che non ammette il rilascio di proroghe. È l’ultimo gesto politico che i cittadini di Arzachena, in una situazione cosi drammatica, potevano attendersi dal Sindaco Ragnedda e dal Dirigente Chiodino. Ora è troppo tardi anche per questo Comune. Dopo Olbia, ora tocca ad Arzachena e ci dispiace moltissimo per il Dirigente Chiodino, ma qualcuno doveva agire a difesa delle tantissime famiglie Arzachenesi che lavorano da anni onestamente, dando servizi e sostenendo l’economia locale – dichiara il Presidente Mario Isoni. Federbalneari Sardegna è da sempre Garantista e quindi siamo certi che se non avrà commesso i reati penal iattribuiti dalla nostra Consulta ne uscirà senza dubbio assolto

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo