Il Sassari Calcio Latte Dolce perde di misura con l'Arzachena

Gigi Scotto (foto: Alessandro Sanna)
Gigi Scotto (foto: Alessandro Sanna)
SENNORI. Smeraldini corsari sul Golfo dell’Asinara: Sassari Latte Dolce battuto 1-0 dall’Arzachena nella stra isolana del nord Sardegna. Girato alla boa, il campionato di serie D (girone G) riparte da dove tutto era iniziato, dalla sfida tutta sarda fra i padroni di casa biancocelesti e gli smeraldini di Arzachena. In maglia sassarese mister Fabio Fossati fa esordire dal primo minuto il nuovo acquisto Marcos Sartor, deve rinunciare a Nicolò Antonelli (squalificato) e ributta in mischia Tommaso Arzu. Cerbone da canto suo deve rinunciare a Molino, ex di turno, stoppato da un problema muscolare. Congiu e Fini sono altri ex del match oggi in maglia Arzachena. Commosso minuto di raccoglimento dedicato al ricordo di Mauro Bellugi e pensiero rivolto alla memoria di Costanzo Dettori, bandiera del pallone sassarese. Primi minuti di studio, manovre che non sfociano in occasioni degne di note. Marco Cabeccia resta a terra per una sbracciata, immediatamente assistito dallo staff medico sassarese. Al quarto d’ora buono spunto di Stefano Guberti sulla sinistra, ma il pallone oltrepassa la linea di fondo ed è nulla di fatto. Il Sassari Latte Dolce cercaci proporsi ma non sfonda. Arzachena guardinga, coperta e pronta a sfruttare le ripartenze. Giallo a Bellotti per fallo su capitan Marco Cabeccia (28’ pt). Rossi prova il tiro ma la difesa respinge, sul capovolgimento di fronte Michele Pisanu serve Gigi Scotto: bella la conclusione, ma fuori bersaglio. Alla mezz’ora è ancora 0-0. Al 32’ Kajus Urbietis abbassa la saracinesca e fa il miracolo sulla conclusione di Loi e salva la porta biancoceleste. Ammonizione per Loi e poi anche per Congiu. L’arbitro stoppa per offside un’offensiva biancoceleste scaturita da calcio piazzato. Allo scadere i galluresi provano l’affondo, ma è ancora nulla di fatto. Replica dei padroni di casa con tiro teso da fuori area: Ruzittu para a terra. Dopo 50” si torna nello spogliatoio. Le squadre tornano in campo. Un fallo non sanzionato a centrocampo scatena le proteste della panchina con giallo a mister Fabio Fossati. Gara contratta, che fatica a trovare sbocchi. Ammonizione a Gianvito Pertica. Al 19’ st punizione da oltre il limite sinistro dell’area di rigore per l’Arzachena: batte Rossi, pallone a lato del palo alla sinistra del numero uno biancoceleste. Ancora una punizione di Rossi, e ancora una volta pallone che non centra il bersaglio. Ancora una punizione, è il 23’ della ripresa: Loi calcia, il pallone non trova ostacoli e si infila in porta per il vantaggio ospite. Triplo cambio per mister Fabio Fossati: dentro Gianmarco Marcangeli, Giovanni Piga e Dudu Kone. Giallo a Gigi Scotto e Ungaro. La fuga di Kacorri non va a buon fine. Ci prova Daniele Bianchi, in campo anche Paolo Palmas. Cerbone butta in mischia Kassama. Secondo cartellino giallo per Ungaro: rosso al 36’ del secondo tempo e Arzachena in dieci. Marinari rileva Rossi. Giallo anche a Bachini. Al 44’ Gigi Scotto batte una punizione dalla sinistra, ma il muro delll’Academy regge. Sono 5’ i minuti di recupero. Sassari Latte Dolce a tentare l’assalto.  In campo Fini. Paolo Palmas calcia su traversone alto dalla destra, ma Ruzittu c’è. Il finale non cambia, vince l’Arzachena.

Tabellini
Sassari Latte Dolce - Arzachena:  0 - 1

Reti: 23’ st Rossi (ARZ)

Sassari Latte Dolce: Urbietis, Pertica, Arzu, Cabeccia, Bianchi, Patacchiola, Pisanu (21’ st Piga), Guberti (21’ st Kone), Scotto, Calì (21’ st Marcangeli), Sartor (34’ st Palmas). A disposizione: Garau, Gianni, Tuccio, Scanu, Mukaj. Allenatore: Fabio Fossati  

Arzachena Academy: Ruzittu, Bonacquisti, Ungaro, Kacorri, Loi (34’ Kassama), Congiu, Rossi (37’ st Marinari), Bachini, Bellotti (46’ st Fini), Manca, Dore. A disposizione: Altumi, Zammit, Majid, Fossati, Menichelli, Fusco. Allenatore Raffaele Cerbone

Arbitro: Gian Luca Martino di Firenze

Guardalinee: Orazio Attardi di Ragusa e Ferdinando Favino di Napoli

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  • Gigi Scotto (foto: Alessandro Sanna)