Nulla da fare per la Torres: a Sassari la Nocerina vince 2-1

Sassari. Un mazzo di fiori sotto lo striscione della curva nord “Ciao Bebo”.  E’ iniziata nel segno del ricordo di mister Leonardi, allenatore vincente nella Torres ma anche nella Nocerina, la gara valida per la 20^ giornata di serie D.
Un’emozione che non ha avuto nemmeno il tempo di sedimentare perché dal fischio d’inizio sono trascorsi poco più di 30 secondi prima di vedere il gol del vantaggio ospite.
La Nocerina ruba palla in mezzo al campo, Katseris si fa tutta la fascia, entra in area e mette al centro per Dammacco a cui Frasca nega il gol al primo tentativo ma non al secondo.
Torres che deve già rincorrere. Rossoblù privi di mezzo centrocampo titolare, tra infortuni e squalifiche, out La Vigna e Origlio, e degli under Riccardo Pinna e Bianco, e che faticano ad impostare una manovra fluida, dall’altra parte c’è una Nocerina aggressiva che non dà tregua ai portatori di palla.
Torres che si avvicina alla porta su calcio da fermo di Prosi al 23’, facile per Volzone.
Al 26’ l’ex di turno, De Iulis, ha tra i piedi il pallone del raddoppio ma esce benissimo Frasca che respinge in angolo. Sugli sviluppi del corner ancora de iulis ad avere una doppia occasione sotto porta.
Quando la Torres manovra in velocità e con tocchi di prima crea pericoli, come in occasione dell’azione che porta Ruiu ad infilarsi per vie centrali. L’esterno viene steso al limite dell’area e sul calcio di punizione che ne consegue questa volta Prosi indovina l’angolo vincente per il gol dell’1-1.
Partita rimessa sui binari ma i rossoblù non riescono a dare continuità e la Nocerina è tutt’altro che rinunciataria.
Al 37’ primo cambio della gara, dentro Petito per Cuomo.
Ma è ancora Katseris ad essere negli incubi della Torres. Al 41’ pasticcio rossoblù sulla destra tra Vavasssori e Gomez e il 2001 può entrare in area e concludere, Frasca salva.
Nei secondi finali ci prova Tedesco: sarebbe stato un gran bel gol ma sulla sua conclusione dalla distanza il pallone termina di poco a lato.
Si va al riposo in parità e nel secondo tempo i rossoblù ci provano a cambiare ritmo.
Al 5’ Bilea con un’azione di forza trova un’altra punizione da ottima posizione buona per i piedi di Prosi. La conclusione dello spagnolo è insidiosa e il pallone rimbalza davanti a Volzone che devia in angolo.
Dal corner palla a Schiaroli che, forse sbilanciato, non trova l’impatto giusto con la sfera e il pallone finisce tra le braccia di Volzone. Accenna una protesta il difensore ma l’arbitro è vicino e lascia proseguire.
Al 14’ ancora Prosi prova a sorprendere tutti concludendo in porta su calcio di punizione ma palla sul fondo.
Tre minuti dopo si accende Mascia, oggi sorvegliato speciale della difesa molossa. Prima viene anticipato sul tocco di Tedesco che lo innesca in area e sulla rimessa laterale prova un numero a saltare due avversari ma perde il tempo del tiro e del passaggio e l’azione sfuma.
Primi minuti con più Torres ma l’ardore rossoblù è spento al 21’ quando arriva il gol del 2-1.
Vecchione riceve tutto solo, serve Petito, triangolazione con Donnarumma e palla che attraversa l’area per Katseris che insacca, complice anche una deviazione di Schiaroli che inganna Frasca colto in controtempo.
E’ ancora Katseris scatenato al 27’, deve uscire Frasca per evitare il terzo gol.
Mister Graziani cambia. Dentro al 30’ Samuele Pinna e Battista. La Torres prova a scuotersi.
Punizione al 32’ ma libera la difesa ospite, poi è alle stella il pallone scagliato dalla distanza da Bilea.
Al 38’ in campo anche Ponsat per i rossoblù e nei minuti finali la Torres mette paura ma prima non arrivano a concludere Ponsat e Gomez e poi la conclusione di Battista nel recupero è poco angolata e Volzone para a terra.
E’ l’ultima occasione. Rossoblù sconfitti e testa al prossimo impegno, la trasferta sul campo del Monterosi.

(Ufficio Stampa Torres - seftorrescalcio.it)

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo