I "souvenir naturali" dalla Sardegna costano cari a undici turisti

Cagliari. Continua,  intensificata  e  implementata  in  occasione  dell’aumento  del traffico passeggeri connesso alla stagione estiva, l’attività di controllo operata dai funzionari ADM  di Cagliari e dalla Guardia di Finanza, in collaborazione con il personale della So.G.Aer. Security, sui passeggeri in transito presso l’aeroporto di Cagliari – Elmas.
 
L’attività di controllo viene svolta sui bagagli trasportati dai passeggeri, in particolare quelli che lasciano l’isola, territorio, da tempo, oggetto di sottrazione di beni naturalistici quali sabbia, pietre e conchiglie, patrimonio ambientale tutelato dalla Legge Regionale 28 luglio 2017, n.16.
E proprio durante questi controlli, in numerose occasioni, dal mese di giugno a oggi, alcuni turisti, pronti  a  imbarcarsi  sul  proprio  volo  per  far  rientro  a  casa,  sono  stati  trovati  in  possesso  di  “souvenir naturali”, prelevati da diverse località del sud dell’isola.
 
Complessivamente  sono  stati  rinvenuti  2,2  Kg  di  sabbia  contenuta  in  bottiglie  di  plastica,  512 ciottoli di mare, 740 conchiglie e una roccia del peso di 1,1 Kg, prelevati da più arenili della costa cagliaritana: da Villasimius e Costa Rei, a Perd’è Sali, Santa Margherita di Pula e Isola di San Pietro,
passando per le spiagge del Poetto.
 
Undici,  nell’insieme,  i  collezionisti  desiderosi  di  portare  con  sé  un  ricordo  fisico  della  propria permanenza in Sardegna, provenienti non solo da località nazionali (Roma, Bari, Milano, Genova, Taranto e Arezzo) ma anche straniere (Berna, Madrid, Bucarest).
Per gli undici soggetti, i quali hanno dichiarato di ignorare la normativa ambientale in questione, è scattata una sanzione amministrativa pari nel massimo a 3.000 euro per ciascuno.
Il materiale illecitamente prelevato è stato sottoposto a sequestro.
 
I predetti controlli e i relativi sequestri rientrano tra le tante attività svolte da ADM e dalla Guardia di Finanza presso gli scali portuali e aerei, in questo caso a salvaguardia dell’ambiente.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo