Osilo. Minaccia di lanciarsi dal tetto di casa, salvato dopo 15 ore di mediazione con 2 negoziatori

E' cominciata nel tardo pomeriggio di ieri la vicenda che ha coinvolto un 34enne pizzaiolo di Osilo. In preda a verosimile crisi psicotica, per motivazioni tutt'ora in fase di accertamento, l'uomo si era arrampicato sul tetto dell'abitazione di famiglia minacciando di suicidarsi. Immediato l'allarme lanciato dalla madre dell'uomo e sul posto sono giunte oltre al personale del 118 e ai vigili del fuoco anche le pattuglie dei Carabinieri di Nulvi, Chiaramonti e Sassari. E' stato necessario l'intervento di due negoziatori del comando provinciale di Sassari per far desistere l'uomo dal compiere l'insano gesto. I negoziatori hanno dato inizio alle ore 20 alla diffiicle mediazione col giovane, che sin da subito si è mostrato poco collaborativo in preda a un delirio allucinatorio. Per oltre 15 i militari hanno sapientemente negoziato con il 34enne per salvargli la vita.  Finalmente alle 12 di questa mattina l'uomo riportato alla ragione, ha deciso di scendere da l tetto sottoponendosi alle cure mediche richieste dal caso. Immediato il trasporto tramite la medicalizzata presso l'Ospedale Civile di Sassari, dove si trova tutt'ora ricoverato in buone condizioni di salute.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo