59° Premio Regionale Sardo: quasi 300 i puledri iscritti

È il momento più importante per gli allevatori. Il Premio Regionale Sardo è una vetrina e un concorso per i puledri di uno, due e tre anni. Organizzata dall’Agenzia Agris Sardegna-Servizio Ricerca per la Qualità e Valorizzazione delle Produzioni Equine, in collaborazione con il Comitato Regionale FISE Sardegna, l'edizione numero 59 si apre lunedì 20 settembre alle 12.30 negli impianti di tanca Regia (Abbasanta) e prosegue tutta la settimana sino a domenica mattina, quando verrà effettuata la prova di salto in libertà per i cavalli di tre anni.
Il Premio Regionale Sardo rappresenta e ha sempre rappresentato la più importante delle manifestazioni allevatoriali riservate alle produzioni destinate agli sport equestri in Italia.

Sono quasi 300 i cavalli iscritti. Verranno valutati dai tecnici in alcune prove per verificarne la preparazione ma anche per offrire suggerimenti che consentono di migliorare l'addestramento dei puledri. Allo stesso tempo il Premio Regionale Sardo è una vetrina per chi è interessato ad acquistare puledri in funzione di una futura carriera sportiva. E infatti in ogni edizione non mancano esperti e tecnici che vengono dalla Penisola e talvolta dall'estero per dare un'occhiata alla produzione equina isolana.

Le prove. I cavalli di tre anni sosterranno la prova di Obbedienza e andature sul campo principale in sabbia silicea, la prova Morfo-Attitudinale sul campo in erba e il Salto in libertà (con gli ostacoli ma senza cavaliere) nell'apposito corridoio.
I cavalli di due anni saranno invece sottoposti a due prove: quella morfo-attitudinale e l'attitudine al salto.
Per i puledri di un anno e per i foals (i cavalli che non hanno ancora un anno) è prevista solo la prova morfo-attitudinale.
Da martedì a sabato le prove inizieranno alle 8 di mattina. Domenica la finale del salto in libertà e le premiazioni che si svolgeranno tutte in mattinata.

La manifestazione è riconosciuta e approvata dal Mipaaf, il Ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo