Sardegna verso l'UNESCO: i nuraghi entrano finalmente nelle scuole

Lunedì 27 settembre, ai Giardini Pubblici di Cagliari, l’Associazione “la Sardegna verso l’Unesco” porta la suggestione della antica civiltà isolana dentro la scuola sarda, coinvolgendo i ragazzi dell’ultimo anno delle scuole medie parificate cagliaritane. I protagonisti dell’iniziativa saranno infatti i tredicenni dell’ultimo anno di corso degli Istituti Salesiani, delle scuole Chatterbox e Up School e del Collegio della Missione che parteciperanno a un evento davvero unico, il primo nel suo genere, che consentirà loro di entrare nella narrazione dell’antica storia della Sardegna, per ritrovare e consolidare la conoscenza e l’orgoglio delle nostre radici.
Dopo la consegna a tutti i partecipanti delle brochure con le immagini e dei percorsi nuragici, verranno proiettati i video tutorial appositamente predisposti per raccontare la storia millenaria della civiltà sarda, mentre toccherà all’archeologo Nicola Dessì rispondere alle domande dei ragazzi, accompagnandoli nel viaggio a ritroso, nel secondo millennio avanti Cristo.
L’evento, che durerà l’intera mattinata, sarà suddiviso in due parti, dalle 9 alle 10.30 e dalle 10.45 alle 12.30 e permetterà dunque di sensibilizzare i giovani alla conoscenza del patrimonio archeologico dell’Isola e dell’ambiente culturale in cui si è sviluppata e ha prosperato l’antica civiltà dei nuraghi, consentendo di trasferire ai ragazzi la consapevolezza della storia che ha contraddistinto la nostra Isola e delle peculiarità straordinarie che l’hanno sempre caratterizzata, conservandola come esempio unico nel Mediterraneo e nel mondo.
L’Associazione “la Sardegna verso l’Unesco”, grazie all’adesione dei quattro importantissimi istituti cagliaritani, inizia un percorso di incontri formativi dedicati ai giovani sardi. È indispensabile, infatti, il pieno coinvolgimento delle scuole perché in Sardegna possa finalmente crescere la convinzione che il recupero della nostra dimensione identitaria e delle straordinarie unicità contenute nella storia della nostra isola possa davvero essere una incredibile opportunità per la definizione di un nuovo modello di sviluppo economico, condiviso e sostenibile.
Lunedì 27 settembre comincia dunque un esperimento didattico che porterà a importanti iniziative su scala regionale, tutte finalizzate a spiegare la storia sarda secondo la narrazione di un unico filo conduttore che punta dritto all’ambizioso obiettivo dell’Associazione, per il riconoscimento della civiltà nuragica, come “patrimonio dell’umanità” da parte dell’Unesco.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo