Premio letterario Vermentino, tutto pronto per la quinta edizione a Olbia sabato 2 ottobre

E' tempo di Vermentino, è tempo per il Premio letterario nazionale che gli è stato dedicato e che si svolgerà a Olbia sabato 2 ottobre, in una giornata da vivere e sfogliare per una passione doppiamente coinvolgente che avrà il sapore della ripartenza. Un nuovo capitolo da gustare e apprezzare dedicato agli appassionati -ma non solo- dalle 10,30 nella sede del Museo archeologico nell'evento organizzato da Camera di Commercio di Sassari, Comune di Olbia e Comune di Castelnuovo Magra. Con la collaborazione del Consorzio di tutela del Vermentino e l’Enoteca ligure.

La quinta edizione del Premio ha coinvolto 12 case editrici e 16 opere di narrativa edite, a dimostrazione della qualità dell’evento. Soltanto uno sarà il vincitore, saranno invece quattro le menzioni riservate alle opere selezionate dalla giuria tecnica.

Nel corso della mattinata, in programma chiacchierate con gli autori e i protagonisti del premio condotte dalla giornalista de “La Repubblica” Cristina Nadotti, (affiancata dal giornalista enogastronomo, Giovanni Fancello e dal sommelier Giorgio Demuru) che si intrecceranno con la lettura di alcuni passi con Daniele Monachella in un percorso, già sperimentato con successo nel 2019, insieme agli allievi del Liceo “Gramsci” e dell'Istituto agrario “Amsicora” di Olbia. Letture arricchite dagli interventi musicali di Sara Beccu.

Per un Premio che nasce da un'idea della Camera di Commercio di Sassari:"Il premio è un'occasione di più per promuovere e valorizzare le eccellenze del nostro territorio in Italia e nel mondo, e quel grande lavoro quotidiano delle aziende vitivinicole capaci di produrre un vino unico come il "Vermentino" - così la vicepresidente dell'Ente camerale, Maria Amelia Lai- ma soprattutto quel lavoro e quella cultura del saper fare che scorre nelle pagine degli autori che lo hanno raccontato con grande trasporto e passione. In un evento sempre più appassionante, anno dopo anno. Anche per le case editrici: per loro il Premio rappresenta ormai da anni un appuntamento atteso e di grande importanza."

Il Premio letterario "Vermentino" respira anche in questa edizione un'aria nazionale, grazie alla partecipazione delle case editrici che hanno preso parte all'evento con le loro opere: Edizioni Bertani&C, Gruppo editoriale Tabula Fati- Edizione Solfanelli, Pietro Macchione editore, ExCogita Editore, Leone Editore, Nasone Editore, Mondadori, Ludo edizioni, Armando Curcio Editore, Edizioni Il Fiorino, La Nave di Teseo e Fratelli Frilli Editori.


All'edizione 2021 hanno preso parte al Premio (in ordine di candidatura):

“Panni sporchi per Martinengo” di Fabrizio Borgio - Fratelli Frilli Editori

“Un sogno in Borgogna” di  Massimo Castellani - Edizioni Bertani&C

“Nunc est bibendum - Le lupe di Augusto” di  Stefano Mariano Mazza - Gruppo editoriale Tabula Fati - Edizione Solfanelli

“Santo mangiare” di Patrizia Rossetti - Pietro Macchione Editore

“Storia d'Italia in 40 cantine” di Sergio Redaelli e Guido Montaldo - Pietro Macchione Editore

“Il Bacchino ubriaco e altre storie” di  Gaetano Gaziano - ExCogita Editore

“La bottiglia di Napoleone” di Marco Vozzolo - Book Road di Leone Editore

“Wineblogger? Wine not!” di Michele Nasoni - Edito in proprio

“Al centro del mondo” di Alessio Torino - Mondadori

“Ballata per le nostre anime” di Mauro Garofalo - Mondadori

 "Arba Magìc"  di Tommaso Sussarello e Paola Cordella tratto dal volume

 "ABBRACCIAMOilMONDO (AA.VV.) " - Ludo edizioni

 “Racconti di cucina” di Nello Rubattu - Ludo edizioni

“Il vino e le rose” di Claudia Conte - Armando Curcio Editore

“Il Lambrusco e la cultura del vino” Giovanni Santunione - Edizioni Il Fiorino

"E(t)nografie" di  Emanuela Conversano tratto dal volume "Pantagruel (AA.VV.)" - La nave di Teseo

"Superiorità naturale" di Sandro Sangiorgi tratto dal volume "Pantagruel (AA.VV.)” - La nave di Teseo




© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo