La grotta di Nettuno di Alghero è il sito naturalistico più visitato in Sardegna

Con 128mila visitatori la Grotta di Nettuno a Capo Caccia si conferma il sito naturalistico più frequentato in Sardegna. I numeri registrati nel favoloso complesso carsico di Alghero si avvicinano a quelli della stagione pre-Covid del 2019 e segnano il +76% rispetto al 2020. Tanto che, anche le prestigiose presenze del Capo dello Stato e della Presidente del Senato, Sergio Mattarella e Maria Elisabetta Alberti Casellati, entusiasti e stupiti da tanta bellezza, impreziosiscono ancor più una stagione superlativa.

"Dati estremamente incoraggianti che ripagano di tanto impegno e confermano il trend di crescita e la forte ripresa dopo mesi difficili, ma soprattutto l'enorme potenzialità del territorio, sempre più attrattivo" precisa il presidente della Fondazione Alghero, Andrea Delogu (in foto), che sottolinea come i dati premino le scelte e gli investimenti effettuati negli ultimi anni per veicolare l'immagine dei principali siti turistici della Riviera del Corallo. E' il caso dell'Alghero Ticket, il biglietto unico che permette di visitare tutti i musei e i monumenti della città, la Grotta di Nettuno, le aree archeologiche del territorio e il Parco Naturale Regionale di Porto Conte - a cui nell'ultimo periodo è stato impresso un forte impulso - che raddoppia le vendite, grazie anche all'attenzione riservata ai prodotti ed ai pacchetti Family.

Così come si è rivelato importante il nuovo sistema di vendita e bigliettazione online sviluppato grazie alla partnership col Consorzio Turistico Riviera del Corallo, l'Alghero Experience, l'innovativa piattaforma di e-commerce del portale di promozione turistica del territorio e la rinnovata sinergia tra operatori, Comune, Fondazione e Parco, nell'ottica di un progetto di crescita della destinazione. Stagione super per il MUSA, il Museo Archeologico di Alghero (2.800 ingressi, +49% rispetto al 2020 e +16% sul 2019) e il MACOR, il Museo del Corallo (5.170 ingressi, +78% sul 2020 e +60% rispetto al 2019), che registrano un forte incremento delle presenze a fronte di un'apertura estremamente ridotta (dal mese di giugno). Per entrambi il 2021 segna il record storico di visitatori: tra questi - con gli Italiani in testa - confortanti anche i dati delle presenze straniere che confermano una buona affluenza dai Paesi Europei ed una ripresa significativa di turisti dagli Stati Uniti.



© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo