A Sassari l'iniziativa benefica la TORRES è un “SOGNO” per tutti

Stefano Udassi, don Galia e Pierluigi Pinna
Stefano Udassi, don Galia e Pierluigi Pinna
Sassari. Il ricavato della vendita dei Panettorres andrà in beneficenza a supporto dell’Associazione di don Galia: “Dico grazie alla Torres e ai torresini che, acquistando il Panettorres, potranno dare la possibilità di regalare un Natale migliore ai nostri ragazzi e alle loro famiglie” è il pensiero di don Galia.
Il classico 926 della rinomata pasticceria Tre Janas di Sassari, opera d'arte dolciaria firmata dalla famiglia Rau classificatasi al secondo posto nella speciale graduatoria dei migliori panettoni al mondo, è protagonista dell’iniziativa insieme alla Torres.
Destinataria dell’iniziativa è l’Associazione di volontariato salesiano “IL SOGNO” di don Galia, da sempre attivo sulla scena solidale sassarese e felice dell’idea messa in campo dalla Torres griffata Insula Sport. "IL SOGNO" è un’Associazione che opera nel campo della solidarietà a tutto tondo, e che con i suoi volontari ed il suo grande impegno gestisce due comunità per minori di età compresa tra i 12 e i 17 anni e un centro diurno, in cui bambine e bambini con problematiche a livello familiare possono svolgere attività ricreative e formative al pomeriggio per poi tornare a casa. “IL SOGNO” gestisce anche una comunità di accoglienza per detenuti, opportunità di scontare in maniera alternativa al carcere la pena in vista di un pronto e funzionale reinserimento nella società.
Il cronometro prosegue la sua corsa verso la mezzanotte del 24 dicembre, Natale è alle porte e il traguardo fissato, destinare il ricavato delle vendite ad una causa meritevole, è sempre più vicino. Il Panettorres è in vendita da Abì Bar Bistrot in viale Umberto: il rush finale è partito! Vi aspettiamo.

“Un incontro importante quello che ha unito gli intenti dell’Associazione e della Torres. L’attività dei salesiani comincia nel 1970, ha nella pratica sportiva una delle sue mission, nel suo centro un punto di riferimento che già allora era all’avanguardia - dice don Galia -. Bello vedere il mondo sportivo allearsi al sociale per fare cose belle. Ancora grazie, quindi,  alla Torres e ai torresi che acquistando il Panettorres ci danno la possibilità di regalare un Natale migliore ai nostri ragazzi e alle loro famiglie”.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  • Stefano Udassi, don Galia e Pierluigi Pinna