Due pescatori abusivi scoperti con oltre 2mila ricci nell'area marina protetta di Capo Caccia

Alghero. Il 5 Aprile 2022, una pattuglia del Corpo Forestale e di Vigilanza ambientale della Stazione forestale di Alghero nel corso di un preordinato controllo nell’area marina protetta di Capo Caccia-Isola Piana e del Parco Regionale di Porto Conte, finalizzato all’intensificazione dei servizi volti al contrasto della pesca abusiva e alla tutela dell’ambiente marino, ha intercettato due pescatori di frodo dediti alla raccolta di ricci di mare, raccolta vietata ai pescatori non professionisti secondo il Decreto della Regione Sardegna del 9 novembre 2021.
Alle ore 13:00 circa, in località “Punta del Dentul” del Comune di Alghero, la pattuglia Forestale notava, lungo la SP n. 55, in direzione di Capo Caccia, la presenza di una macchina sospetta in sosta su una piazzola, che, alla vista dei Forestali, si allontanava precipitosamente.
Insospettiti dall’atteggiamento dell’occupante dell’auto, i Forestali,  in prossimità del punto di sosta della vettura sospetta  rinvenivano due grosse buste colme di ricci di mare appena pescati.
Poco dopo, a qualche metro dall’auto, lungo un sentiero veniva individuata un'altra persona che trasportava altre due buste di ricci di mare.
Da una verifica fatta nelle vicinanze  si rinvenivano altre tre grosse buste stracolme di ricci di mare, per un totale di 2.270 ricci appena raccolti.
Nei momenti successivi al ritrovamento dei ricci occultati nella vegetazione, la persona fermata tentava di portare via due delle buste già poste sotto sequestro.
Entrambe le persone venivano fermate e identificate dai Forestali, nei loro confronti si procedeva alla denuncia all’Autorità Giudiziaria per il reato di cattura di 2270 ricci di mare (Paracentrotus lividus) all’interno dell’area marina protetta.
Gli echinodermi, ancora vivi, venivano immediatamente rigettati in mare affinché fossero restituiti al proprio delicato ecosistema.

I reparti costieri e le motovedette delle basi navali del Corpo forestale dell’Ispettorato Forestale di Sassari sono costantemente impegnati nella prevenzione della pesca di frodo in genere e in particolare della raccolta abusiva del prezioso riccio di mare, il cui depauperamento della risorsa è diventato da tempo preoccupante, tanto che per le prossime tre stagioni verrà inibita totalmente la raccolta.

L’echinoderma è un importantissimo elemento per l’ecologia della catena alimentare marina, essendo la base per il nutrimento di numerose e importanti specie ittiche e quindi, a maggior ragione, meritevole di tutela e protezione.

La salvaguardia dell’area marina protetta di Capo Caccia, rientra in quelle attività poste in essere dalla Stazione Forestale di Alghero e dalla Base Navale del Corpo Forestale allo scopo di prevenire e reprimere le condotte che deturpano le bellezze dei fondali marini, contrastare il mercato illecito delle specie protette nonché, non da ultimo, tutelare la salute pubblica.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo