Il contabile è la figura chiave delle aziende: ecco perché

Un'azienda moderna, con lo sguardo rivolto verso il futuro, deve dotarsi di tutte le infrastrutture e le tecnologie necessarie per affrontare al meglio la digital transformation e mantenere un elevato livello di competitività.
Il passaggio alla digitalizzazione dei servizi è delicato ed importante, ma non bisogna dimenticare la rilevanza delle risorse umane e, più nello specifico, di determinati professionisti.
Un'azienda per essere competitiva deve saper gestire le risorse economiche a disposizione, massimizzando al meglio il suo budget.
Questo è importante innanzitutto poiché un'azienda sana e con i conti a posto risulta decisamente più affidabile e solida, agli occhi di partner e clienti.
Secondariamente, avendo una panoramica completa delle risorse disponibili, può investire al meglio per la sua crescita.
Le risorse a disposizione, a seconda delle necessità, possono essere investite per migliorare le infrastrutture, per campagne di marketing o magari per assumere altro personale.
Tutto questo discorso ci porta ad una figura specifica e che ricopre un ruolo strategico chiave in ogni azienda, ditta e società: il contabile.
Non sorprende che, dopo la riapertura delle attività, sia letteralmente triplicata la ricerca di contabili.
Lo conferma anche contabili.it, agenzia di lavoro dove sempre più aziende offrono un lavoro come contabile.
La piattaforma si differenzia da quelle tradizionali poiché, tramite appositi filtri, consente di effettuare una ricerca mirata. Le aziende possono quindi trovare facilmente i profili più idonei al lavoro offerto in poco tempo.
I lavoratori possono fare la stessa cosa, cioè cercare le offerte di lavoro più in linea con le loro esperienze e qualifiche.
Ma quali sono le mansioni richieste ad un contabile? Questa figura deve saper gestire e redigere perfettamente tutte le scritture contabili, dalla prima nota all'elaborazione del bilancio.
Inoltre deve occuparsi della preparazione delle dichiarazioni fiscali, del controllo delle scadenze tributarie, del pagamento delle tasse e della corretta emissione delle fatture.
Si tratta di una figura multi-tasking, che deve avere competenze nell'ambito della fiscalità, della contabilità e del diritto tributario.
Le competenze richieste sono piuttosto specifiche e, proprio per questo motivo, le aziende farebbero carte false per aggiudicarsi le prestazioni di professionisti esperti e qualificati.
Pur essendo un ruolo di grande responsabilità, non sono necessarie lauree o master. Sicuramente è necessario avere però competenze approfondite nell'ambito della contabilità.
Un contabile con un diploma di ragioneria può lavorare tranquillamente in aziende di piccole dimensioni, dove il carico fiscale e tributario è piuttosto sostenibile.

Nelle grandi aziende, dove gli incarichi e le mansioni richieste sono di maggiori responsabilità, è sicuramente preferibile avere una laurea in economia aziendale, o aver seguito un percorso di studi simile.
Naturalmente bisogna avere determinate competenze informatiche e tecnologiche, per gestire al meglio i software di contabilità in dotazione ormai di tutte le aziende, da quelle più piccole a quelle più grandi.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo