Cagliari, l'associazione ecologista "GrIG" interviene sui tagli di alberi in Via del Cammino Nuovo

Cagliari. Riceviamo e pubblichiamo il comunicato dell'associazione
ecologista "Gruppo d’Intervento Giuridico" (GrIG) riguardo il taglio di alcuni alberi in via del Cammino Nuovo a Cagliari:

«Il GrIG ha provveduto ieri a inoltrare alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cagliari, al Ministero della Cultura, alla Soprintendenza per Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Cagliari, ai Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale quanto emerso dalla precedente istanza di accesso civico e informazioni ambientali (10 marzo 2022) in merito ai tagli di quattro esemplari ad alto fusto di Ailanto (Ailantus altissima), in assenza di autorizzazioni paesaggistiche e culturali, nonché in assenza di ordinanza contingibile e urgente per la tutela della pubblica incolumità.
Come si ricorderà, nello scorso mese di marzo 2022 c’è stato il taglio di alcuni alberi ad alto fusto in Via del Cammino Nuovo, sotto il Bastione di Santa Croce del Castello di Cagliari.
Nessun cartello “inizio lavori”, nessuna specifica ordinanza contingente e indifferibile per ragioni di incolumità pubblica sul sito web istituzionale del Comune di Cagliari. Insomma, nessuna spiegazione, solo il rumore delle motoseghe.
Con risposta da parte del Comune di Cagliari – Servizio Parchi, Verde e Gestione Faunistica (nota prot. n. 110319/2022 del 5 aprile 2022) si è potuto sinteticamente apprendere:
* il taglio dei quattro alberi di Ailantus altissima (“4 esemplari cresciuti spontaneamente e di età pari a circa anni 40 in quanto successivi all'intervento di realizzazione del nuovo sistema a parcheggio”) è stato deciso con ordine di servizio n. 154 del 25 febbraio 2022 del Direttore di esecuzione del contratto di gestione del verde pubblico, vistato dal Dirigente del Servizio Parchi, Verde e Gestione Faunistica;

* le motivazioni sono contenute nella relazione del Direttore di esecuzione del contratto di gestione del verde pubblico del 4 aprile 2022 (a taglio avvenuto) secondo cui “si tratta di alberi di specie esotica per i quali incombe l'obbligo di lotta in quanto  specie  altamente  invasiva, e  maggiormente  in  prossimità  di  monumenti storici  vulnerabili  all'azione  pervasiva  delle  radici”. Il taglio è avvenuto perché “quello  dimorante  nello spazio  verde  sotto  le  mura  era  secco;  i  due  grossi  esemplari  che dimoravano nello stretto spazio dell'aiuola posta nella scarpata contenuta da muri di spinta,  ormai  ne  minacciavano  la  stabilità,  prima  di  tutto  per  il  peso  eccessivo  in rapporto  al  luogo  di  radicazione  (piccolo  terrapieno),  inoltre  le  radici  avevano  già invaso  tutto  lo  spazio  e  da  esse  già  nascevano  nuovi  polloni  ben  visibili  nel paramento  a  valle  e  sviluppandosi  in  poco  tempo  avrebbero  causato  il  cedimento della  struttura  con  grave  situazione  di  pericolo  per  le  persone,  il quarto albero abbattuto, proprio per l'elevata capacità di resilienza e adattamento a tutte le situazioni, è cresciuto in un buco dell'asfalto; esso è stato abbattuto in quanto dalla visione in quota (tramite il cestello) è stato osservata una grossa cavità interna, estesa anche alle branche, tali da consigliarne l'abbattimento immediato ciò dovuto alle sue precarie condizioni di stabilità e di salute”;

* in soldoni, quindi, uno era secco, un altro malato incurabile, due sanissimi, ma potenzialmente fastidiosi per le auto parcheggiate;

* non emerge alcuna ordinanza contingibile e urgente che ne disponesse il taglio per effettive ragioni di pubblica incolumità, come la legge prevede (art. 50, comma 5°, del decreto legislativo n. 267/2000 e s.m.i.) e nessun coinvolgimento preventivo della competente Soprintendenza per Archeologia, Belle Arti e Paesaggio in quanto area tutelata con vincolo paesaggistico e con vincolo storico-culturale (decreto legislativo n. 42/2004 e s.m.i.);

* la presenza dei vincoli appare perfettamente conosciuta, tanto che “riguardo alla sostituzione degli esemplari abbattuti con alberi a chioma più piccola, l'indicazione  contenuta  nell'Ods  mira  più  alle  dimensioni  dei  futuri  alberi  che  alle specie  ivi  indicate (Agrume, Nespolo, n.d.r.),  ben  consapevole  che  prima  di effettuare  la messa  a dimora  di nuovi esemplari, trattandosi di intervento in zona tutelata, dovranno essere acquisite le necessarie autorizzazioni da parte dei competenti Uffici”.Quindi, secondo questa singolare interpretazione, l’autorizzazione paesaggistica e culturale andrebbe acquisita per piantare i nuovi alberi, ma non sarebbe necessaria per tagliare quelli precedentemente viventi in area tutelata.

Ora la Procura della Repubblica farà le sue valutazioni.

Si riproduce, in buona sostanza, una situazione analoga a quella determinata nel settembre 2020 con l’abbattimento di diversi Pini d’Aleppo sul Viale Buoncammino, che ha visto l’apertura di un procedimento penale e le indagini dei Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale.

Di sicuro l’alberata di Via del Cammino Nuovo, già esistente almeno dai primi del ‘900, ora non esiste più, mentre esiste ed impera il gas di scarico delle auto lì in cerca di parcheggio. Questo sì infestante, non il povero Ailanto, utilizzato spesso nelle città per il consolidamento dei terreni instabili e per combattere inquinamento e polveri sottili.

Segno dei tempi per una città candidata a capitale europea del verde.

Purtroppo, la politica del verde pubblico a Cagliari, nonostante roboanti annunci nel corso degli anni, non ha mai brillato per efficacia e semplice buon senso.

Alberi tagliati e mai sostituiti in numerose zone della città, potature/capitozzature che sembrano uscite da incubi, malsani progetti di sostituzione di rigogliosi alberi secolari con insignificanti alberelli orientaleggianti, roba così.

Ed è meglio non parlare delle aree naturalisticamente più importanti affidate alla gestione comunale, come i siti di importanza comunitaria (“Torre del Poetto” e “Monte S. Elia, Cala Mosca, Cala Fighera”) presenti sulla Sella del Diavolo, progressivamente illecitamente degradati da sempre nuovi percorsi per mountain bike che scorazzano in lungo e in largo senza che l’Amministrazione comunale – pur sistematicamente sollecitata – muova una paglia.

Ciò nonostante l’Amministrazione comunale Truzzu, con indubitabile coraggioe spregio delle intelligenze, ha candidato Cagliari a Capitale Verde Europea 2024. Cagliari ha bisogno di alberi, di verde pubblico, non di motoseghe.»

Nella seconda immagine, del 1904: Cammino Nuovo e Torre dell'elefante
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo