La Sardegna premiata al Concorso nazionale Turismo dell’Olio per innovazione e sostenibilità

La Sardegna si aggiudica la Menzione Speciale “Premio Innovazione e Sostenibilità” nella categoria Tour operator/ Agenzie di Viaggio/Altri organizzatori (ProLoco e Asssociazioni) della seconda edizione del Concorso nazionale Turismo dell’Olio, l’iniziativa promossa dall’Associazione nazionale Città dell'Olio con il sostegno di Bene Assicurazioni, la collaborazione di UNAPROL-Coldiretti, dell’Azienda Speciale della CCIAA di Roma Agro Camera e il patrocinio del Mipaaf e del Ministero della Transizione Ecologica.

A giudizio insindacabile della giuria di esperti presieduta dalla prof.ssa Roberta Garibaldi, la proposta “Sa Mola Glamping Experience” dell’Azienda Agricola Sa Mola di Escolca (Su) è risultata essere quella più innovativa e rispettosa dell’ambiente. L’offerta turistica proposta prevede una piacevolissima esperienza glamping dormendo tra gli ulivi in tenda o in una vintage roulotte a cui si aggiunge la visita all’azienda, la passeggiata tra gli ulivi centenari e la degustazione dei diversi oli prodotti, oltre ad un corso propedeutico di degustazione di olio extravergine. Nella motivazione si legge che l’esperienza è risultata vincente “per aver coniugato la voglia di avventura e la passione per i prodotti di qualità con l’attenzione alla sostenibilità”.

“Esperienze originali e attente all’ambiente come questa danno vitalità e slancio al turismo dell’olio. Per qualificare l’oleoturismo e trasformarlo in un volano per le piccole economie locali, è necessario essere creativi ed intercettare nuovi segmenti di mercato. L’esperienza sarda che ha vinto la menzione speciale del nostro Concorso, incarna lo spirito con cui le aziende possono e devono mettersi in gioco per riuscire ad essere competitive. Noi come Città dell’Olio siamo pronte a fornire loro supporto e sostegno in termini di formazione e qualificazione dell’offerta” Michele Sonnessa, Presidente delle Città dell’Olio.

“Complimenti ai vincitori e grazie per averci reso ancora una volta orgogliosi della nostra terra – ha dichiarato Giovanni Antonio Sechi Vice Presidente delle Città dell’Olio - la cultura dell’olio EVO qui ha radici antichissime e le Città dell’Olio sarde, fanno squadra per far crescere questo settore partendo dalla formazione dei produttori e degli operatori turistici e dalla valorizzazione di esperienze di qualità in cui il turista appassionato può immergersi conoscendo prodotto e territorio insieme”.  “Una vittoria importante che riempie di orgoglio le Città dell’Olio sarde e dimostra che gli operatori della filiera olivicola e dell’accoglienza sono pronti a mettersi in gioco e a misurarsi con la costruzione di un’offerta turistica capace di integrare prodotto e paesaggio, identità e territorio” ha dichiarato Maura Boi Coordinatrice regionale delle Città dell’Olio della Sardegna. Tutti i partecipanti al Concorso prenderanno parte al primo Corso di formazione sull’oleoturismo. Un esperimento che non ha precedenti in Italia ed è realizzato dalle Città dell’Olio e Unaprol-Coldiretti. Il Corso di specializzazione in Management Turismo e Olio a cura della Prof.ssa Roberta Garibaldi ha obiettivo di offrire una formazione gratuita qualificata e specializzata agli operatori del settore.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo