Ats,concorso per assistenti sociali. Graduatoria attesa da un anno: interrogazione di Desirè Manca

Riceviamo e pubblichiamo le dichiarazioni della consigliera regionale del M5s Desirè Manca che ha presentato un'interrogazione al Presidente Solinas e all'assessore alla Sanità Nieddu per far sì che provvedano con urgenza alla pubblicazione della graduatoria finalizzata al conferimento di incarico a tempo determinato nel profilo professionale.

“Da oltre un anno in attesa della graduatoria. É questa la situazione surreale in cui si trovano tutti coloro che hanno hanno partecipato al bando di selezione, per soli titoli, finalizzato al conferimento di incarico a tempo determinato nel profilo professionale di collaboratore professionale – Assistente Sociale Cat. D.. Un concorso concluso ormai dal 29 aprile 2021 del quale non si hanno più notizie”.

“La selezione è stata approvata con Determinazione ATS, n° 2118 del 14/04/2021 – ricorda Desirè Manca – e il sindacato Sunas ha già da tempo sollecitato la pubblicazione della relativa graduatoria inviando una lettera all'Assessorato alla Sanità”.

Questa la denuncia della consigliera regionale del M5s Desirè Manca che ha presentato un'interrogazione al Presidente Solinas e all'assessore alla Sanità Nieddu per far sì che provvedano con urgenza alla pubblicazione della graduatoria finalizzata al conferimento di incarico a tempo determinato nel profilo professionale: collaboratore professionale – Assistente Sociale – Cat. D, nel rispetto dell’art. 8 del bando di selezione.

“Il ruolo professionale dell’assistente sociale in sanità è di fondamentale importanza per i cittadini e il territorio, soprattutto in questo momento così delicato per l'intero comparto sanitario regionale, particolarmente affaticato e carente per quanto riguarda diverse figure professionali, soprattutto con competenza sociale e tecnico professionale propria, come quella dell’assistente sociale. Inoltre, alla luce della nuova programmazione nazionale e internazionale sui programmi di sviluppo e sostegno del welfare, la necessità di inserire figure dedicate oggi è ancora maggiore”.




© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo