“Danza tra le corde”: il progetto dell'Azuni con gli Istituti comprensivi“P.Tola”e"Pertini-Biasi"

Sassari. Si chiama “Danza tra le corde”. È un progetto coordinato dal professor Calogero Sportato, docente di chitarra del Liceo Musicale Azuni, che ha dato anche il titolo a uno spettacolo serale messo in scena nei giorni scorsi al CineTeatro Astra di Sassari, messo a disposizione degli organizzatori dall’amministrazione comunale. Si sono esibiti sul palcoscenico un’orchestra composta da trenta studenti suddivisi fra l’ensemble di chitarre del Liceo Musicale Azuni e i corsi di chitarra delle sezioni musicali delle scuole medie degli Istituti comprensivi “P. Tola” e “Pertini-Biasi” , questi ultimi sotto la guida dei docenti Loredana Pitzalis, Stefano Contini, Maria Luciani, Sabina Sanna e Fiorella Cossu. I giovani musicisti hanno eseguito dodici colonne sonore di famosi film italiani e stranieri, alcune vincitrici del premio Oscar, arrangiate e dirette dal professor Sportato, che hanno accompagnato le danze di circa quaranta studenti di alcune classi del Liceo Coreutico Azuni, con le coreografie curate dalle docenti Cristina Tagliaverga e Valentina Chelli Florian, e le voci di due studentesse del Liceo Musicale Azuni coordinate dalla docente di canto Chiara Spada. Il progetto  è valido dal 2013 per l’ex alternanza scuola-lavoro e ha come tutor esterno l’associazione musicale  “Dolci Accenti”, che ha curato la fotografia di scena con le immagini di Agostino Giannotti. Nell’ambito dell’attività finora svolta, nel 2016 gli studenti hanno anche ideato e realizzato un lavoro discografico sperimentando così tutti gli aspetti creativi e editoriali di un’attività artistica. “La vera novità di quest’anno - spiega il professor Sportato - è stato il coinvolgimento nel progetto degli studenti  delle scuole medie inferiori, a dimostrazione del fatto che la musica è uno strumento formativo comune a scuole di ogni ordine e grado”. È proprio in questa prospettiva che una seconda fase del progetto potrebbe essere estesa agli alunni delle scuole primarie anche allo scopo di favorire il loro orientamento agli studi musicali.           

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo