Tra due sponde: Rosa Montero e Karina Sainz Borgo presentano i nuovi libri

Sassari. Alghero. Letteratura e cinema sono i protagonisti della terza giornata, venerdì 24 giugno, di “Tra due sponde”, la sezione internazionale del festival algherese “Dall’altra parte del mare”, organizzato da Associazione Itinerandia con il supporto della Libreria Cyrano, e il sostegno della Regione Autonoma della Sardegna, della Fondazione Alghero e delle Amministrazioni Comunali di Alghero, Putifigari e Montresta. La scrittrice spagnola Rosa Montero e la venezuelana Karina Sainz Borgo presenteranno i loro nuovi libri, mentre Leonardo Padura – ospite al festival con il romanzo “Come polvere nel vento” – vestirà in questa occasione i panni dello sceneggiatore, durante la proiezione del film “Ritorno a L’Avana” di Laurent Cantet, insieme alla co-sceneggiatrice Lucia López Coll (dalle 21.15 a Villa Mosca, a cura del CSC della Società Umanitaria di Alghero, introdurrà il film Alessandra Sento, direttrice del Centro di Alghero).

La giornata si apre a Sassari, alle 11.30 di mattina, nell’aula Lessing del Dipartimento di Scienze umanistiche e sociali, in via Roma 151, con una lectio magistralis della scrittrice e giornalista spagnola Rosa Montero dal titolo “Una famiglia penosa e magnifica”. Autrice di romanzi per adulti e per bambini e opinionista di punta di El Paìs, durante l’incontro, organizzato in collaborazione con il DUmaS, la scrittrice madrilena - che con i suoi romanzi e i suoi reportage ha vinto premi importanti come il Premio Nacional de las Letras e il Grinzane Cavour - parlerà del suo metodo di lavoro e delle sue fonti d’ispirazione, in particolare per il nuovo libro “La buona fortuna”, una storia di amore e di riscatto, già bestseller in Spagna e appena pubblicata nella traduzione italiana da Ponte alle Grazie.

Di sera, Rosa Montero sarà anche ad Alghero, alle 19.30 in piazza Pasqual Gallo, dove dialogherà di “La buona fortuna” con la saggista e autrice di romanzi Iaia Caputo (che torna al festival anche sabato 25 giugno con il reading “La versione di Eva”, tratto dal suo omonimo romanzo dedicato a Eva Perón).

Prima, però, sempre venerdì ma alle 18.30, “Tra due sponde” ospita un’altra intensa e potente voce femminile, quella di Karina Sainz Borgo, scrittrice venezuelana residente in Spagna, autrice di saggi politici, scrive per “ABC”, “El Nacional” e “El Mundo”. In compagnia di Monica Bedana incontrerà il pubblico per presentare il suo nuovo romanzo, “La custode” (Einaudi Stile Libero), una storia di frontiera e di migrazione, ambientata in un oscuro paese del Sud America, con protagoniste due donne, Angustias Romero, che abbandona il suo paese per sfuggire a un’epidemia, insieme al marito e ai due figli appena nati e subito morti, e Visitación Salazar, una moderna Antigone, la cui missione è seppellire morti appartenenti agli strati sociali più umili e diseredati.

La serata si chiude con la proiezione del film “Ritorno all’Avana” di Laurent Cantet (Francia, 2014, 92’), la storia di Amadeo, romanziere cubano in piena crisi da blocco dello scrittore che, dopo sedici anni di esilio a Madrid, fa ritorno a l’Avana, la sua città natale, dove ritrova i suoi vecchi amici. Nel corso di una lunga nottata, verranno a galla segreti e antichi rancori. A introdurre il film e a dialogare con gli sceneggiatori Leonardo Padura e Lucía López Coll, al termine della proiezione, sarà Alessandra Sento, Direttrice del Centro di Alghero.



© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo