AGGIORNAMENTO

Sassari. Aggressione denunciata dal SAPPE a Bancali. E' morto il detenuto aggredito

 (foto: SassariNotizie.com)
(foto: SassariNotizie.com)
AGGIORNAMENTO
E' purtroppo deceduto questo pomeriggio G.P., 54 anni di Sassari, il detenuto aggredito la scorsa notte nel carcere di Bancali dal suo compagno di cella.

La denuncia del SAPPE
Il Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE denuncia il permanere di una situazione che il sindacato definisce di alta tensione nelle carceri della Sardegna.
“Una situazione sempre critica ed allarmante”, commenta Antonio Cannas, delegato nazionale per la Sardegna del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE, il primo e più rappresentativo della Categoria. Il Sindacato denuncia il verificarsi di una “Notte di terrore a Bancali, lite tra due detenuti. Con uno sgabello, un ristretto ha aggredito il suo compagno di cella mentre dormiva, fracassandogli la testa." Trasportato in codice rosso al pronto soccorso di Sassari, l’uomo sarebbe in situazione estremamente critica. "Non sono note le ragioni di questo folle gesto, ma la situazione del carcere di Bancali è allarmante”.

Per Donato CAPECE, segretario generale del SAPPE, è necessario ripensare completamente la questione penitenziaria: “Quanto accaduto nel carcere di Bancali deve necessariamente far riflettere per individuare soluzioni a breve ed evitare che la Polizia penitenziaria sia continuo bersaglio di situazioni di grave stress e grande disagio durante l'espletamento del proprio servizio. Non possono più essere ammissibili e tollerabili atteggiamenti prevaricatori, arroganti da parte di una utenza che ormai, è notorio a tutti, è sempre più spietata ed insofferente al regime penitenziario, sia adulto che minorile! La politica deve farsi carico di tale problema assumendo idonee iniziative legislative per risolvere quando prima tale questione. Il Sappe, in merito a quanto accaduto, intende rivolgere la propria vicinanza ai poliziotti per il coraggio e le capacità dimostrate dai baschi azzurri di Bancali!”.

Il SAPPE ha già annunciato che, a settembre, scenderà in piazza a Roma per sottolineare quanto e come sia importante e urgente prevedere un nuovo modello custodiale: “E’ grave che la recrudescenza degli eventi critici in carcere si è concretizzata quando sempre più carceri hanno introdotto la vigilanza dinamica ed il regime penitenziario ‘aperto’, ossia con i detenuti più ore al giorno liberi di girare per le Sezioni detentive con controlli sporadici ed occasionali della Polizia Penitenziaria. Anche la consistente presenza di detenuti con problemi psichiatrici è causa da tempo di gravi criticità per quanto attiene l’ordine e la sicurezza delle carceri del Paese. Il personale di Polizia Penitenziaria è stremato dai logoranti ritmi di lavoro a causa delle violente e continue aggressioni. Ed è grave che, pur essendo a conoscenza delle problematiche connesse alla folta presenza di detenuti psichiatrici, le Autorità competenti non sia ancora state in grado di trovare una soluzione. Il SAPPE chiede l’uso degli scudi protettivi e caschi come deterrenti e a protezione dei poliziotti penitenziari. Se il Capo del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria Carlo Renoldi non è in grado di trovare soluzioni alla gravissima situazione delle carceri italiane ed alla tutela degli appartenenti al Corpo di Polizia Penitenziaria deve avere la dignità di dimettersi!”

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  •  (foto: SassariNotizie.com)