Vermentino di Gallura: scopriamo questo fantastico vino della provincia sassarese

La Sardegna è una terra molto ricca per quel che riguarda la tradizione ecologica: nell’isola, infatti, sono prodotti alcuni dei vini più noti ed apprezzati a livello nazionale, e tra questi c’è sicuramente il Vermentino di Gallura.
Assolutamente immancabile nelle sezioni dedicate ai vini sardi di e-commerce specializzati come VinoPuro, il Vermentino di Gallura è un vino davvero speciale che colpisce fin da subito grazie alle sue eccelse qualità organolettiche, scopriamo dunque alcune curiosità che lo riguardano.
Un vino che nasce dal vitigno Vermentino
Anzitutto, è utile sottolineare che il Vermentino di Gallura nasce da un particolare vitigno, che prende il nome di Vermentino.
Il vitigno Vermentino non è una prerogativa esclusiva della Sardegna, esso infatti si può trovare anche in altre regioni italiane come la Liguria, il Piemonte, la Toscana, la Puglia, l’Abruzzo, la Toscana e altre ancora, senza trascurare la Corsica, vicina isola francese, tuttavia i vitigni sardi, in particolar modo quelli situati nella zona settentrionale dell’isola, sono considerati tra i più rappresentativi in assoluto per via della loro eccelsa qualità.
Il Vermentino è un vitigno a bacca bianca, anche se in alcuni casi, piuttosto rari, può avere anche una bacca rossa, e talvolta è denominato in modo differente: in Piemonte, ad esempio, è chiamato Favorita.
Quanto alla storia di questo vitigno, vigono ancora oggi diversi dubbi, tuttavia le ipotesi più accreditate sono che sia originario della Spagna o del Portogallo.
Vermentino di Gallura, un vino di tipo DOCG
Come si diceva, il vino denominato Vermentino di Gallura è una delle produzioni più rinomate di questi rigogliosi vitigni, ed è emblematico il fatto che tale vino possa pregiarsi del titolo di DOCG, Denominazione di Origine Controllata e Garantita, il quale viene assegnato solo laddove sussistano dei requisiti piuttosto rigorosi.
In Sardegna, il Vermentino di Gallura è l’unico vino di tipo DOCG, e ciò è emblematico della sua grande importanza per l’enologia regionale.
Il Vermentino di Gallura, come si può intuire dal nome, è prodotto rigorosamente nella provincia di Sassari, in diversi comuni di sua appartenenza: da Badesi a Bortigiadas, da Santa Teresa di Gallura a Tempio Pausania.
Il fatto che questo vino sia così legato a tale territorio non è casuale: la Gallura, infatti, vanta delle caratteristiche molto particolari, sia in termini di peculiarità del terreno, soprattutto per quanto riguarda la sua elevata permeabilità e la ricca quantità di potassio, che a livello climatico, con un clima temperato arricchito da una notevole ventilazione che fa facilmente “viaggiare” il salmastro proveniente dal mare.
È interessante sottolineare che il Vermentino di Gallura ha una storia antichissima: sebbene sia abbiano dei dubbi sulle sue esatte origini, vi sono testimonianze certe della sua esistenza risalenti al 1700.
Principali caratteristiche di questo vino
Quanto a caratteristiche organolettiche, vi possono essere delle lievi differenze tra le diverse tipologie di Vermentino di Gallura, ma nella grande maggioranza dei casi si tratta di vini bianchi perfetti per accompagnare piatti di pesce, carni bianche e formaggi.
Intenso, profumato e fruttato, il Vermentino di Gallura è realizzato rigorosamente in purezza, dunque al 100% con uve Vermentino, e viene consumato prevalentemente in calici di struttura media, preferibilmente con un’apertura un po’ più stretta affinché gli aromi possano indirizzarsi più facilmente verso il naso.
Pur essendo un vino squisito e gettonatissimo, il Vermentino di Gallura ha un prezzo assolutamente accessibile: nella grande maggioranza dei casi, infatti, non occorrono più di 20 euro per bottiglia.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo