La parola "scuola" scomparsa dai programmi elettorali

"Il 15 settembre ci vediamo a scuola, a votare", riceviamo e diffondiamo le dichiarazioni del coordinamento dei presidenti dei consigli d'istituto Sardegna: 
In questo periodo tutte le forze politiche si affannano per trovare gli accordi per tentare di racimolare quanti più voti possibili per governare l’Italia per i prossimi 5 anni.  
Il pensiero ricorrente è “creare coalizioni” e “cercare di presentare i nomi più accattivanti”.
Dai programmi elettorali, da qualunque gruppo/partito/movimento/coalizione, sembra scomparsa la parola “SCUOLA”.
Tutte le promesse sventolate negli ultimi due anni, forse dovute alla pandemia, magicamente sono passate in ultimo piano per dare risalto a tanti argomenti che attanagliano l’Italia dalla notte dei tempi, e che catturano l’attenzione dell’opinione pubblica, perché parlano alla pancia della gente.
Forse la parola “SCUOLA” non porta voti.
Forse non interessa più investire nel futuro.
Forse non interessa il destino di migliaia di studentesse e di studenti.
Forse non interessa sapere che la prossima generazione di governanti può arrivare da molti di questi giovani.  
Forse non interessa, perché centinaia di migliaia di studentesse e di studenti non hanno ancora l’età per esprimere il loro voto.
È demoralizzante assistere ad una spasmodica ricerca di voti, senza essere lungimiranti ed agire per garantire il futuro dell’intera nazione.
La scuola non può essere ricordata solo per essere la sede della sezione elettorale.
Coordinamento Presidenti dei Consigli d'Istituto Sardegna

PEO: cpcisardegna@gmail.com

PEC: coordinamento.presidenti.cdi.sardegna@postecert.it

Pagina FB: https://www.facebook.com/presidenticdi_sardegna

Instagram
www.instagram.com/presidenticdi.sardegna
Telegram t.me/presidenticdi_sardegna
Twitter www.twitter.com/presid_cdi_sar
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo