Satta (Progressisti): "Collegamenti con le isole minori della Sardegna, bandi deserti"

Nelle scorse settimane è passato sotto silenzio il fatto che i bandi per il collegamento con le isole minori della Sardegna siano andati deserti: la gara per i collegamenti da e per l'Asinara è giunta alla terza procedura consecutiva senza offerte, così come è andata deserta la procedura per i collegamenti con La Maddalena e l'isola di San Pietro, le cui offerte dovevano essere presentate entro le ore 13 dello scorso 20 luglio.

Gian Franco Satta, consigliere regionale dei Progressisti e primo firmatario di diverse interrogazioni sul tema dei collegamenti in continuità marittima con le isole minori, parla di “ennesimo disastro annunciato”.

“Non bastava la totale incapacità dimostrata dalla giunta sardoleghista nell'affrontare i temi della continuità territoriale con la penisola,” denuncia l’on. Satta “ora anche le isole minori subiscono l’inadeguatezza della giunta regionale. Per l'Asinara si va avanti da anni in regime di proroga o con affidamenti in urgenza, senza garantire adeguati livelli di efficienza. Salta anche il bando per i collegamenti con la Maddalena e San Pietro, una situazione terribile quanto ampiamente prevedibile. L'Assessore e il suo staff avrebbero dovuto ragionare con maggiore attenzione su questa possibilità, denunciata a più riprese dall’opposizione, a meno che non ritengano normale richiedere alle imprese marittime di sostenere costi ulteriori a bando invariato.”

Il riferimento di Satta è alla richiesta prevista dal bando di una nuova tratta notturna i cui costi si aggirerebbero sui 2 milioni di euro l'anno (e quindi ulteriori 12 milioni di euro per la durata dell'affidamento), senza che la Regione abbia stanziato risorse aggiuntive.

“L'esito delle gare per i collegamenti con l’Asinara, La Maddalena e l’isola di San Pietro era tutt’altro che imprevedibile, soprattutto vista la scelta di accorpare in un unico bando corse diurne e notturne nei collegamenti da e per La Maddalena e Carloforte, addirittura con l'aggiunta di una nuova linea notturna da Portovesme. Stessa sorte avevamo previsto per la procedura per i collegamenti con l'Asinara” prosegue Satta “Non credo che l'analisi socio economica richiedesse particolari competenze tecniche, era del tutto evidente che un aumento dei costi senza adeguate coperture finanziarie avrebbe creato un disinteresse verso l'intera tratta da parte degli operatori, eppure questo aspetto è stato sottovalutato.”

“Ora, per l'ennesima volta, per poter garantire la continuità dei servizi si andrà avanti in regime di proroga. Sto iniziando a pensare che questo non sia un caso ma proprio il modo di operare scelto da questa giunta regionale a scapito dei servizi e dei cittadini sardi” conclude Satta “L'incapacità politica dell'Assessore regionale dei trasporti è ormai conclamata, mi auguro che abbia il coraggio di prenderne atto o che almeno i suoi colleghi di maggioranza prendano le distanze dall'ennesima sciagura che si abbatte sui trasporti della nostra isola.”


© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo