Venerdì a Ploaghe "SardignAeras, festival di canti e suoni"

Ploaghe. Ritorna dopo due anni di stop a causa del Covid “SardignAeras festival di canti e suoni”, rassegna musicale ideata dal M° Piero Concu e dal coro “Su Coro de Piaghe” di Ploaghe. Presentata fin dalla sua prima edizione da Tonino Sanna. Tanti generi musicali,  grazie alle molteplici attitudini proprie del popolo sardo.

Canto polivocale maschile e femminile, polifonico misto, canto a tenores, a cuncordu, e ognuno con la propria specificità territoriale; si passa dal canto a chitarra al pop in limba, percorrendo talvolta strade sperimentali.

SardignAeras è la riscoperta di strumenti musicali etnici, nel senso proprio della parola, ed il loro utilizzo nella creazione di sonorità moderne, e strumenti musicali moderni che ricercano sonorità antiche, quasi a creare un cerchio nel quale non si intravede la congiunzione.  Molto consolante è il fatto che tutto ciò è anche sorretto da moltissimi giovani, e spesso bambini, che guidati da attenti esperti dei vari settori si incamminano verso quella passione che li porterà a convivere con i suoni della loro terra... Ebbene, l'obiettivo di queste rappresentazioni è proprio quello di far conoscere, per quanto sarà possibile nel corso delle varie edizioni, le produzioni più interessanti, quelle che più riescono a comunicare la profondità del messaggio delle nostre tradizioni.

L'edizione 2022 si caratterizza con la presenza più ampia di canti in lingua NON SARDA, esibiti da artisti sia sardi, che provenienti dalla penisola. Interessante è ascoltare questi ultimi esibirsi anche in lingua sarda. Si tratta in pratica di un ampliamento, un ammodernamento e adeguamento ai canoni di diffusione culturale più vicini alla nostra quotidianità. Questo presentando anche strumenti “classici” con repertorio classico, esibito da grandi professionisti di chiara fama SARDI, ma senza mai dimenticare o trascurare le radici dalle quali sono cresciute tutte le espressioni di comunicazione sia sociale che artistica come, per esempio il Logudoro che non può prescindere dal canto a chitarra con le sue molteplici specificità provinciali e locali, con le stupende sfumature di appartenenza.

L’appuntamento è per venerdi 19 Agosto, a partire dalle 22, presso l’ex convento di Sant’Antonio.
A fare gli onori di casa come sempre sarà “Su coro de Piaghe”, diretto dal M° Piero Concu.

Gli artisti dell’edizione 2022:

Su Coro De Piaghe (Coro polivocale maschile)
Duo Mistral (Clarinetto e Pianoforte) Antonio Puglia‐Mariano Meloni
Pina Muroni (Canto) accompagnata al pianoforte dal Maestro Luca Sirigu.
Cantico Dal Mare (Canto e chitarra)
Manuela Ragusa – Mario Pierno
Francesco Fois (Canti in lingua Corsa) con i chitarristi Nicola Deriu ‐ Domenico Frisciano
Marta Cantara (Canti in lingua sarda)
Heart Of Gold: Giacomo Doro‐Alice Doro‐ Giuseppe Gadau (Canti in lingua inglese)
Canti Dal Logudoro: Gianni Denanni‐Antonio Porcu‐ Tore Matzau (Canti a chitarra)
Maria Luisa Congiu



© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo