Marea nera, chiuse le indagini
Ipotesi di reato: disastro colposo

Il Tribunale di Sassari (foto: SassariNotizie)
Il Tribunale di Sassari (foto: SassariNotizie)
SASSARI. La "marea nera" non è arrivata solo sulle coste del nord dell'isola, ma anche negli uffici del tribunale di Sassari. La Procura della Repubblica, a distanza di oltre otto mesi dall'incidente, ha concluso la delicata fase delle indagini preliminari che è servita per accertare i presunti responsabili dello sversamento in mare dei migliai di litri di olio combustibile che hanno avvelenato le coste del nord Sardegna. L’avviso di conclusione delle indagini è stato notificato nei giorni scorsi a tre dirigenti della centrale termoelettrica di Fiume Santo e ai loro rispettivi difensori. Ora il magistrato titolare delle indagini dovrà decidere se archiviare il caso o chiedere il rinvio a giudizio al giudice dell’udienza preliminare. Le ipotesi di reato sarebbero le seguenti: disastro doloso e alterazione delle bellezze naturali.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  • Il Tribunale di Sassari (foto: SassariNotizie)