MOTORI

Sardegna Rally Race, trionfo di Coma
ma la morte di Auert annulla la festa

di Daniele Giola
Il podio. Al centro il vincitore Marc Coma (foto: Sardegna Rally Race)
Il podio. Al centro il vincitore Marc Coma (foto: Sardegna Rally Race)

SASSARI. La festa vera e propria non c'è stata, perché il chilometro 15,90 dell’ultima tappa del Sardegna Rally Race è stato l’ultimo di Jean-Claude Auert, sessantatreenne francese in gara con un quad, vittima di un attacco cardiaco.

La terza prova del Mondiale Rally Raid si chiude con la vittoria assoluta di Marc Coma. Lo spagnolo, in sella ad una KTM 530, è balzato al comando della corsa al termine della prima tappa, tra San Teodoro ed Arborea, e non ha più lasciato aperto un solo varco agli avversari.

Per la seconda volta consecutiva Andrea Mancini ha concluso il Rally Mondiale italiano al secondo posto assoluto. L’ufficiale Husqvarna è stato il più serio contendente di Coma, mostrando di aver maturato un’esperienza tale da aprirgli prospettive interessanti per il futuro.

Parziale delusione per il campione in carica, Despres, che dopo due vittorie consecutive deve “abdicare” al cospetto del rivale storico, Coma. Il vincitore della Dakar 2010 ha commesso pochi ma determinanti errori di navigazione e si è presentato al via in non perfette condizioni fisiche a causa di un infortunio. Tuttavia la doppia vittoria nelle due speciali conclusive del Rally gli sono state sufficienti per salire sul podio.


Classifica Generale: 1° Marc Coma (ESP) KTM EXC530; 2° Andrea Mancini (ITA) Huskvarna 450; 3° Cyril Despres (FRA) KTM EXC530; 4° Jordi Viladoms (ESP) Husqvarna 450; 5° Helder Rodrigues (POR) Yamaha.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  • Il podio. Al centro il vincitore Marc Coma (foto: Sardegna Rally Race)