in corso angioy

Scuola, sit-in di protesta
Docenti e personale contro i tagli

La manovra mette a rischio più di mille posti di lavoro
di Michele Spanu | Twitter: @MicheleSpanu84
Scuola, sit-in di protesta (foto: SassariNotizie.com)
Scuola, sit-in di protesta (foto: SassariNotizie.com)

SASSARI. La manovra di Tremonti lascerà a bocca asciutta migliaia di docenti della scuola pubblica: blocco dei contratti per tre anni, stop al turn-over e agli scatti di anzianità. Gli insegnanti della provincia di Sassari rispondono agli ennesimi tagli con un sit-in di protesta. La manifestazione è stata organizzata dalle segreterie provinciali della Flc Cgil e Cisl Scuola di Sassari, ed è ancora in corso in via Angioy, nell'ex provveditorato degli studi. «Dal governo dicono che questa manovra non metterà le mani nelle tasche degli italiani. - dicono dal sindacato -. Invece toglierà soldi soprattutto ai lavoratori dipendenti, che sono la maggioranza degli italiani». I sindacalisti non sono contrari alla manovra, necessaria per rimettere ordine nel bilancio dello Stato, ma contro la scelta politica di tagliare le gambe a un settore, quello della scuola pubblica, già provato dalla riduzione dei finanziamenti.

I numeri non fanno ben sperare. Secondi i calcoli dei rappresentanti dei lavoratori, ci saranno 1070 docenti in meno alla ripresa dell'anno scolastica. In più mancheranno 670 lavoratori del personale Ata. Un dato che preoccupa, anche perché la maggior parte del tempo pieno si regge grazie alla disponibilità del personale che lavora gratis di pomeriggio per garantire l'apertura della scuola. Questi tagli dunque renderanno difficile la vita dei genitori, perché metterà a rischio il tempi pieno: soltanto a Sassari ci saranno 10 classi in meno.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  • Scuola, sit-in di protesta (foto: SassariNotizie.com)