l'intervista

«Il segreto dell'Irs?Coinvolge le masse»
Parola di Mario Satta

Successo senza precedenti per Indipendentzia Repùbrica de Sardigna
di Valentina Guido
Mario Satta, sindaco di Perfugas (foto: Per gentile concessione di Mario Satta)
Mario Satta, sindaco di Perfugas (foto: Per gentile concessione di Mario Satta)

SASSARI. È arrivato anche per l'Irs, Indipendentzia Repubrica de Sardigna, il tempo di celebrare il primo sindaco della sua storia: Mario Satta è stato eletto a Perfugas con un vantaggio di oltre 400 voti sull'avversario Domenico Decandia. Nato a Sassari 41 anni fa, è sposato, ha due figli ed è titolare di una farmacia a Perfugas. Dal punto di vista politico può essere considerato un esordiente, perché si è avvicinato all'Irs appena un anno fa. Ma non è sorpreso dal suo risultato positivo, specchio dell'exploit di tutto il movimento. «Eravamo ottimisti perché c'erano tutti i presupposti- racconta Satta- l'Irs ha lavorato bene sia a livello comunale che provinciale».

Cosa fare a Perfugas. Dopo i festeggiamenti, il neo primo cittadino sta già pensando al da farsi: «La priorità è creare una squadra per la Giunta. Poi ci sarà tanto da lavorare nel rispetto del programma, che è fatto di cose semplici. A Perfugas non servono grandi opere, perché abbiamo già una sala convegni e alcuni impianti sportivi, quindi punteremo sul sociale, sul decoro urbano e il verde pubblico. Soprattutto, faremo in modo di avvicinare la popolazione all'amministrazione del bene comune».

Il successo dell'Irs. A parere di Mario Satta, il segreto del successo dell'Irs sta proprio nella capacità di coinvolgere le masse: «Era dagli anni '70 che non vedevo tante persone assistere ad un comizio in piazza». Anche la lista civica con cui si è presentato alle elezioni ha carattere inclusivo, «quasi un arcobaleno», che ha ospitato candidati provenienti da vari gruppi politici. La lotta allo sfruttamento truffaldino del vento, l'accesso al credito per le aziende sarde, il sostegno all'agricoltura biologica e alla filiera corta sono alcune delle battaglie portate avanti dal Movimento e che evidentemente hanno convinto i sardi. Sono 28mila i voti raccolti in tutta la Sardegna; in provincia di Sassari, Gavino Sale ha sfiorato quota 6,50 per cento delle preferenze; a Oristano è certa la conquista di un consigliere e le cose si mettono bene anche a Nuoro. «Ma fra tutti gli argomenti che ci stanno a cuore, secondo me non ce n'è stato uno in particolare che ha convinto la gente, è soggettivo. Per l'eolico ci siamo mossi molto e ora si vede qualche risultato».

La filiera corta. Anche la promozione della filiera corta è tra le priorità dell'Irs: «A Perfugas si potrà partire subito con i mercati in piazza: stanno funzionando bene in tutte le città, perché le famiglie risparmiano e sanno di acquistare cibi genuini», prosegue Satta.

Infine un augurio al leader dell'Irs, Gavino Sale: «È molto contento del risultato, e con l'esperienza raccolta nei 5 anni precedenti, in provincia di Sassari saprà incidere sempre di più».

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  • Mario Satta, sindaco di Perfugas (foto: Per gentile concessione di Mario Satta)