Libri, che passione: Sardegna sopra la media nazionale per numero di lettori

L'Isola è anche ai primi posti per le biblioteche domestiche
di Valentina Guido
 (foto: SassariNotizie.com)
(foto: SassariNotizie.com)
SASSARI. La Sardegna è ben posizionata nella classifica delle regioni italiane per numero di libri letti. Secondo l’ Istituto italiano di Statistica, il 47 per cento dei sardi ha letto almeno un libro, nei 12 mesi precedenti l’intervista, per motivi non strettamente scolastici o professionali. Una percentuale che colloca la Sardegna dietro Trentino Alto-Adige, Friuli Venezia Giulia, Piemonte, Emilia Romagna, Toscana, Valle d’Aosta, Lazio. In media, al Sud dichiara di aver letto un libro nei 12 mesi precedenti l’intervista il 32,4 per cento delle persone interpellate; il numero sale al 35,4 per cento nelle isole. Con il 47 per cento, la Sardegna è sopra la media nazionale (45 per cento).L’Istat ha scoperto anche che le donne leggono di più degli uomini, almeno fino ai 75 anni, poi la tendenza s’inverte, mentre i laureati leggono di più delle persone prive di un titolo di studio.

Le biblioteche domestiche. Interessante il discorso relativo alle cosiddette biblioteche domestiche: in Sardegna solo il 6 per cento delle famiglie dichiara di non tenere in casa nemmeno un libro; con il 20 per cento, la Sicilia è la regione italiana con il minor numero di biblioteche domestiche. Si è anche verificato che i giovani sono maggiormente incentivati a leggere se hanno in casa libri a loro disposizione.

L'obiettivo del centro per il libro e la lettura. In Italia il compito di promuovere la lettura è affidata al Centro per il libro e la lettura. L’obiettivo dell’istituto è aumentare il numero dei lettori abituali adulti portandolo dall’8 all 10 per cento nell’arco di un decennio.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  •  (foto: SassariNotizie.com)