Altre due discariche abusive
nella zona industriale

Denunciati i proprietari, rischiano una pena fino a due anni
 (foto: Guardia di finanza)
(foto: Guardia di finanza)
SASSARI. Tre discariche a cielo aperto scoperte e sequestrate dalla Guardia di finanza in poco più di dieci giorni. Una a fine maggio in zona Caniga, altre due in questi giorni, nella zona industriale della città. Tutte vicino all'abitato, tutte con carcasse di autovetture rottamate, olii esausti e batterie. Rifiuti speciali pericolosi e non, abitualmente stoccati dai proprietari che, in tutte i tre casi, avevano attività commerciali collegate al mondo dell'automobilismo: un'officina meccanica la prima, due importanti rivenditori di auto in questo ultimo sequestro.

Le due aree. In tutto sono stati sequestrati 12mila metri quadri in due distinte aree in cui erano stoccate illegalmente 60 automobili rottamate, batterie e olii esausti. Entrambe le superfici (rispettivamente di 8mila e 4mila metri quadri) erano utilizzate da due grossi rivenditori di automobili che di fatto ne avevano fatto delle discariche a cielo aperto. I rifiuti sono infatti classificati secondo la normativa come pericolosi e non pericolosi, e in ogni caso mettevano a rischio la salute dei cittadini e compromesso l'ambiente.

I responsabili e le conseguenze. I proprietari hanno operato, secondo gli uomini delle Fiamme gialle, in modo consapevole e abituale, e hanno creato dei depositi incontrollati illegali. Ora sono stati denunciati per violazione al Codice dell'ambiente e rischiano fino a due anni di carcere, un'ammenda fino a 26mila euro e altre sanzioni amministrative per violazione degli obblighi di comunicazione, di tenuta dei registri e dei formulari. Ai responsabili spetta anche la spesa della bonifica delle aree.

Altre discariche. A marzo, nel contesto dell'operazione "Sardegna fatti bella" sono state sequestrate dalla Guardia di finanza altre quattro discariche cittadine, per oltre 12mila metri quadri in cui erano stati abbandonati rifiuti pericolosi.
Nelle campagne non è raro abbandonati rifiuti ingombranti di ogni genere: frigoriferi, televisori, lavatrici e materassi. Nonché semplici buste che affollano le piazzole della strada statale 131 che paiono proprio lanciate dalle auto.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  •  (foto: Guardia di finanza)
  •  (foto: Guardia di finanza)